//Frick ottiene il primo ritratto rinascimentale di donna

Frick ottiene il primo ritratto rinascimentale di donna

Proprio come il Versailles Gold slot riesce a catturare l’eleganza e la magnificenza della corte francese, così il nuovo acquisito ritratto rinascimentale della Frick Collection ci trasporta indietro nel tempo alla scoperta dell’arte e della cultura del Rinascimento. I dipinti del XVI secolo del maestro del Rinascimento italiano Giovanni Battista Moroni saranno esposti alla Frick Madison giovedì.

Come abbonati riceverete 10 articoli in regalo ogni mese. Tutti possono leggere ciò che condividete.

Il Ritratto di donna di Giovanni Battista Moroni (1575 circa) è stato acquisito dalla Frick Collection. Secondo i curatori, questo ritratto rappresenta l’acquisizione più significativa di un’opera rinascimentale femminile negli ultimi cinquant’anni. Joseph Coccia Jr. ha attribuito a questo pezzo un valore particolare all’interno della collezione.

Il pannello raffigura una donna con pietre preziose tra i capelli, orecchini e un volano bianco al collo. Indossa un modello rosa lucido.

Una donna dai capelli rossi osserva attentamente lo spettatore attraverso una cornice dorata. Il suo aspetto è deciso, diretto e, in qualche modo, contraddittorio.

Sarah Barr.

Il Ritratto di donna (1575 circa) di Giovanni Battista Moroni, maestro del Rinascimento italiano, è stato al centro della mostra del 2019 alla Frick Collection “Moroni: una ricchezza di ritratti rinascimentali” con le sue opere. E ora sarà il primo ritratto dipinto di una donna del Rinascimento italiano a far parte della sua collezione permanente, ha annunciato venerdì il Museo di New York.

“Abbiamo due Tiziani, abbiamo Tintoretto, abbiamo Bronzino. Sono tutti uomini”, ha dichiarato la curatrice Amy NG, che ha co-organizzato la mostra del 2019 per le tavole della collezione attuale. “Quindi è una cosa molto importante”.

La mostra apre giovedì al Frick Madison, il tetto temporaneo del museo su Madison Avenue, mentre la villa degli orafi sulla Quinta Strada è in fase di ristrutturazione.

Il ritratto rappresenta un’anomalia tra i ritratti rinascimentali di donne, che tendono a promuovere un’immagine più modesta e sobria, ed è l’acquisizione più importante di un ritratto rinascimentale femminile da parte di Frick in più di mezzo secolo. È stato donato al museo dal fondo di Asadur O. Tavitian, un lungo e illustre membro del consiglio di amministrazione, deceduto nel 2020.

Ng non conosce né l’identità della donna né lo scopo del ritratto, che non sembra corrispondere a nessuna delle ragioni per cui le donne venivano spesso dipinte.

“La modestia di una persona che un tempo era un’aspettativa femminile è un po’ fuori dalla finestra”, ha detto Ng. “Chiunque la guardi si sta senza dubbio riprendendo da una crisi”.

Moroni, che trascorse la maggior parte della sua vita nell’Italia settentrionale, nato tra il 1520 e il 1524, si distinse per i suoi suggestivi ritratti naturalistici. Nella sua critica alla relazione di Frick del 2019, Roberta Smith, co-capo critico d’arte del New York Times, ha scritto che Moroni “ha esaminato la realtà con una nuova immediatezza” e ha creato un lavoro che “provoca un senso di vedere le persone reali come mai prima d’ora”.

Secondo il museo, dei circa 125 ritratti di Moroni di cui si conosce l’esistenza, solo una quindicina sono di donne. La donna raffigurata era probabilmente un’aristocratica, ha detto Ng, a giudicare dal suo abito rosa, ornato con fili d’oro e d’argento, un volantino bianco al collo e gioielli raffinati.

Ng ha detto di sperare che la prima opera di Moroni, un ritratto nella collezione permanente del Frick, attiri maggiormente l’attenzione su un artista che ha ottenuto un riconoscimento molto maggiore in Europa che in America.