unione europea allevamenti

L’Unione Europea sostiene la petizione firmata da 1,4 milioni di cittadini europei e dice stop agli allevamenti in gabbia in tutta Europa dal 2027.

il Parlamento Europeo ha risposto agli appelli dei cittadini e ha approvato un piano di intervento che porterà verso un graduale stop agli allevamenti in gabbia, in favore dei più rispettosi allevamenti a terra o all’aperto, previsto anche un piano di aiuti per gli allevatori di bestiame per supportare la transizione.

Nel piano firmato del Parlamento Europeo è previsto che anche i prodotti importati dai paesi extraeuropei dovranno avere gli stessi standard: in altre parole, in Europa potranno entrare solo animali non allevati in gabbia. Per questo, sarà necessari rivalutare gli accordi commerciali esistenti.

una svolta storica, attesa da tanti anni, per cui festeggiano tutte le associazioni animaliste e tutti gli amanti degli animali che vedono in questa decisione, la possibilità concreta di migliorare il benessere degli animali

coinvolti polli, maiali, conigli e altri tipi di animali da macello, che molto spesso vivono una breve vita di sofferenze in condizioni pessime all’interno di gabbie piccole e sporche in cui non hanno neanche la possibilità di muoversi,

negli scorsi anni c’erano state molte movimentazioni dei cittadini che con l’iniziativa “End the Cage Age” , tradotto, Porre fine all’era delle gabbie, hanno chiesto alla commissione europea già dal 2018 di presentare delle proposte legislative per porre fine all’allevamento,

il parlamento, da pochi giorni ha confermato questa volontà con con 558 voti favorevoli, 37 contrari e 85 astensioni, astenuti per i partiti italiani Fratelli d’Italia e Lega

Si legge sul testo firmato :

“Le alternative all’allevamento in gabbia esistono e sono già adottate con successo in numerosi Stati membri. Questi sistemi alternativi devono essere migliorati e incoraggiati ovunque ma per garantire condizioni di parità per gli allevatori in tutta l’Unione, è necessaria una legislazione europea uniforme.”

Agli allevatori di bestiame saranno concessi 6 anni e un periodo di transizione sufficientemente lungo per potersi adeguare, inoltre saranno supportati con un sostegno adeguato. Ciò potrebbe includere servizi di consulenza e formazione, incentivi e programmi finanziari.

Secondo la risoluzione appena approvare, la fine dell’uso di gabbie sarà basata su un approccio che non sia uguale per tutti gli animali, ma che al contrario tenga in considerazione ed esamini le caratteristiche di ogni specie

Eleonora Evi, europarlamentare di Europa Verde, che sin dall’inizio si è battuta per il progetto ha commentato: “Oggi è un giorno storico nella lotta per un’Europa senza gabbie. Un passo decisivo per mettere fine alle sofferenze di 300 milioni di animali ogni anno. Il messaggio alla Commissione è chiaro: vogliamo un’Europa libera dalle gabbie e un mercato libero da importazioni di prodotti realizzati con standard di benessere animale inferiori ai nostri”

Ora la parola passa alla Commissione che dovrà esprimersi sulla risoluzione approvata, ma la decisione del Parlamento Europeo scrive una pagina importante di storia a tutela del benessere degli animali.

emilia romagna allevamento
L’Unione Europea dice stop agli allevamenti in gabbia in tutta Europa dal 2027.

ti è piaciuta questa bella notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come :Approvata la legge che vieta possesso, commercio e importazione di animali esotici in Italia

oppure: Emilia Romagna, prima regione che bandirà gli allevamenti in gabbia. Decisione storica

Immagini : End the cage age fonti: ilfattoquotidiano

,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.