pensieri non invitati
Pensieri e note in modalità Mindfulness

Jack Kornfield nel suo libro “Il cuore saggio” apre un capitolo interessante e ironico su come siamo spesso sequestrati dai nostri pensieri, senza averli formulati noi.

Quando osserviamo il processo ripetitivo della nostra attività di pensiero, vediamo quanti ridicoli fiumi di pensiero costruiscano il nostro senso limitato di noi stessi, con giudizi, autodifese, ambizioni e compensazioni. Se non li esaminiamo con cura, ci crediamo. Però se mai qualcuno dovesse seguirci da vicino ripetendoci costantemente i nostri stessi pensieri, ci annoieremmo moltissimo ad ascoltarlo. Alla lunga saremmo costernati dalla sua tendenza a criticare e ad aver paura di questo e quello e ci potremmo innervosire perchè non sta mai zitto.. Alla fine, forse, ci sembrerebbe un pazzo. E’ questo che facciamo a noi stessi!

Facciamo un esperimento e contiamo i nostri pensieri per qualche minuto, come un gatto davanti alla tana del topo, aspettiamo che arrivino e numeriamoli. Potremo così notare fatti interessanti tra conoscenze razionali, sprazzi intuitivi, ma scopriremmo che rallentano mentre non ci identifichiamo troppo. “Non ti sono venuti molti pensieri finora, vero?” ci direbbero, e poi arriverebbe puntuale il giudizio “Sto facendo giusto?”

Quante cose ci attraversano ogni giorno, spesso ci assalgono nei momenti impegnativi con emozioni e immagini che ci stordiscono e non ci danno tregua. Potremmo fare pace con noi stessi, non prenderci troppo sul serio, guardarci con ironia e imparare a distinguere i pensieri utili e necessari da quelli che arrivano senza averli espressi noi. Qualcuno ha pensieri verbali e altri li hanno visivi, o entrambi. Interessante è imparare a osservarli invece di rimanerci invischiati dentro.

I pensieri hanno forma, colorazione, tonalità e durata. Se li guardiamo da vicino ne scopriamo / sentiamo l’origine / la danza dentro di noi. E anche quanto velocemente se ne vanno. A volte ci impediscono di vedere com’è veramente il momento che stiamo vivendo portandoci lontano a vagare tra ricordi e progetti. Il tempo a disposizione è solo il presente. Esiste una sacralità del momento presente, di ogni istante, se non caschiamo dentro al calderone di pensieri convincenti e coinvolgenti tanto quanto non veri e lontani da questo momento.

Esiste anche un modo per lavorare con i pensieri in maniera gentile e immediata, in autonomia, riconoscendo il contenuto dei pensieri e senza legarci ad essi. Si chiama consapevolezza. Semplice, ma non facile. Esaminando i pensieri con consapevolezza diventiamo a turno eroi o vittime, miliardari o mendicanti. Ci scopriamo impregnati di arte drammatica e giudizi, a volte avventurieri, a volte bambini spaventati. Come quando passiamo per un quartiere malfamato, la nostra mente ha bisogno di non essere lasciata a se stessa, va accompagnata dalla nostra cura e attenzione premurosa.

I pensieri e le emozioni possono stare qui con noi, possiamo ospitarli, senza legarci a essi. Scopriamone la ripetitività, l’automatismo, il giudizio continuo, eventi mentali noiosi e invadenti da cui possiamo prendere distanza quando riusciamo a non identificarci. Potremmo persino ringraziarli per la loro opinione senza farci coinvolgere e convincere. Possiamo fermarci e uscire dalle interminabili storie che ci raccontano. E possiamo farlo con leggerezza, con gentilezza e con ironia.

pensieri non invitati
lasciare andare i troppi pensieri con leggerezza

La pace non è la quiete, è piuttosto l’accoglienza dell’irrequietezza.

Chandra Livia Candiani

Marcella Manzini www.etiqameditazione.onweb.it
,
Marcella Manzini

“Una vita vissuta come ricerca. E la ricerca si è rivolta all’interno dopo aver a lungo esplorato e viaggiato altrove”
“Amo guardare fuori dalla finestra o da un finestrino. Amo il viaggio.
Amo l’amore. Amo le risate. Amo piangere. Amo camminare.
Amo tutto quello che tocca il cuore e che sa di vero. Amo sedermi in meditazione”.
istruttore certificato MBSR Mindfulness Based Stress Reduction con certificazione acquisita nel 2016 presso AIM Associazione Italiana Mindfulness di Milano.
Diplomata in Naturopatia nel 2011 presso Scuola AeMeTra di Torino.
Collabora con insegnanti di yoga, medici, psicologi e psicoterapeuti.
Naturopata e bio-terapista, pratica meditazione e yoga da oltre 30 anni.

STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

dodici − 11 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.