18enni regala pc

4 giovani di 18anni, sono stati premiati dal presidente Mattarella perché rigenerano PC usati e li donano agli studenti che ne hanno bisogno per la DAD e che non possono permettersi un computer

Purtroppo capita che non tutti gli studenti abbiano la possibilità di accedere alle lezioni online per svariati motivi, dal non potersi permettere un computer all’avere magari un solo dispositivo in famiglia e doverli dividere tra genitori e fratelli, tutti con la stessa necessità di stare collegati,

A questo scopo è nato il progetto di questi 4 incredibili studenti milanesi di 18anni che si chiama PC4U.tech e punta ad aiutare gli studenti in difficoltà economica e che non possono permettersi di comprare un computer, recuperando vecchi computer che le persone vogliono donare e non usano più, rigenerandoli e regalandoli a chi ne ha bisogno,

della storia di questo quattro giovanissimi vi avevamo già parlato in un nostro articolo, che trovate qui, appena il loro progetto era iniziato, e ora dopo mesi di lavoro, il team di PC4U è riuscito a superare il traguardo dei 500 pc raccolti, rigenerati e ridistribuiti, gratuitamente a chi ne ha necessità,

Adesso un nuovo traguardo raggiunto: per l’impegno nel colmare il gap digitale e nel supportare chi è in difficoltà e senza il loro aiuto non potrebbe seguire le lezioni, i quattro ragazzi sono stati da poco premiati dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, per aver ridotto il divario digitale presente nel nostro paese e consentire a diverse centinaia di studenti con problemi economici, di continuare a frequentare la scuola anche da remoto

I quattro protagonisti sono Pietro Cappellini, Matteo Mainetti, Jacopo Rangone ed Emanuele Sacco e da quando è nata la loro idea, nel Maggio 2020, ha già fatto molta strada, il primo passo infatti è stato quello di creare una piattaforma online, pc4u.tech che unisse domanda e offerta, in cui chi ha un vecchio computer che vuole donare può mettersi in contatto con loro e allo stesso modo, chi è alla ricerca di un PC che gli permetta di seguire le lezioni in DAD, può richiederlo proprio attraverso il sito.

Sulla piattaforma quindi possono scrivere sia studenti che hanno esigenza di un pc o di un tablet e sia famiglie o aziende che hanno dispositivi usati da donare. A questo punto intervengono i 4 studenti che ritirano i computer, li controllano con l’aiuto della rete di “Informatici senza frontiere“, li risistemano e poi li consegnano a chi ne ha bisogno.

Dopo avere aperto il sito, i ragazzi hanno anche inserito la loro idea su un sito di crowdfunding, in cui chiunque la ritenesse valida poteva sostenerla e supportarla tramite una donazione, così in poco tempo i ragazzi sono riusciti a raccogliere poco meno di 20 mila euro da investire nel far crescere il loro progetto.

Proprio questo progetto di volontariato e generosità li ha portati a ricevere un premio inaspettato dal presidente della Repubblica ,questo riconoscimento ha lasciato i quattro protagonisti emozionati e soddisfatti e ancora più, lo sono famiglie, amici ed insegnanti, nel vedere dove sono arrivati questi giovanissimi studenti

i giovani protagonisti hanno raccontato che ricevere questo premio è una soddisfazione incredibile, ma che la cosa che li soddisfa ancora di più è vedere lo sguardo felice e commosso di chi riceve in regalo i loro PC. Infatti, talvolta increduli, talvolta emozionati o con gli occhi lucidi, gli studenti che ricevono in dono i loro computer e tablet sono il vero motivo che spinge questi ragazzi a continuare a portare avanti il loro progetto,

Un esempio è quello di Peter, un bambino delle elementari appena arrivato in Italia dall’Egitto che con il nuovo PC ha finalmente potuto iniziare a seguire le lezioni online e per la prima volta ha potuto conoscere i suoi nuovi compagni di classe.

Jacopo Rangone racconta ad Il Giornale la sua reazione appena ha scoperto che sarebbe stato premiato dal presidente della Repubblica

“Ero sul treno con Matteo, stavamo andando a Roma per parlare della nostra iniziativa. Mia madre mi ha mandato un messaggio di congratulazioni, poi ne sono arrivati tanti altri. Lo abbiamo scoperto così. Mi sono commosso e ho subito fatto una videochiamata con mamma e papà”. 

Matteo Mainetti invece ha subito pensato alla nonna, a cui ha dedicato la prima telefonata dopo avere saputo dell’onorificenza e che racconta essere “orgogliossissima” del suo giovane nipote.

un team di ragazzi giovanissimi, ma che nel loro piccolo hanno davvero cambiato le cose e dato a tanti studenti in difficoltà la possibilità di continuare a studiare anche in questo difficile periodo di emergenza sanitaria.

un premio davvero meritato!

giovani rigenerano pc
il sito dei giovani che rigenerano pc

ti è piaciuta questa bella notizia sui giovani che rigenerano pc? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : Denuncia lo sfruttamento nei call center e Mattarella la nomina cavaliere della Repubblica

oppure: Sarah, la bimba siriana cresciuta sotto le bombe, vince il primo premio ai mondiali di matematica

, ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 14 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.