mattoni plastica

La Gjenge Makers è una startup keniota che sta producendo Mattoni creati riciclando tonnellate di plastica

Più di 9 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica finiscono ogni anno nei nostri mari e oceani, solamente a Nairobi, sede di questa startup, ogni giorno si producono circa 500 tonnellate di rifiuti plastici, e solo una parte di questi viene riciclata

Così l’idea è green e davvero efficace: utilizzare plastica di scarto e rifiuti che finirebbero ad inquinare l’ambiente e i mari, e dargli una nuova vita, secondo il principio dell’economia circolare, trasformandoli in materiale da costruzione,

la particolarità dei mattoni prodotti e quella di essere altamente resistenti, economici e essendo prodotti da rifiuti inquinanti, decisamente sostenibili per l’ambiente,

la sua fondatrice, l’imprenditrice Nzambi Matee, ha pensato di lanciare questo progetto, proprio ispirata da ciò che vedeva intorno a sè, infatti camminando per le strade di Nairobi, dove ha sede la start up, si continuava ad imbattere in inquinamento e plastica abbandonata ovunque, dalle bottigliette usate a copertoni, sacchetti…

Nzambi ha spesso pensato a cosa si poteva fare per creare un sistema per rimettere in circolo questi materiali inquinanti, dandogli una nuova vita ed evitando che finiscano in mare e causino incredibili danni ambientali,

grazie al suo percorso di studi, una laurea in scienze del materiali, la risposta ai suoi interrogativi non ha tardato ad arrivare, Così dopo anni di ricerca e tentativi, nel 2018 apre la sua startup la Gjenge Makers in cui produce materiale da costruzione: mattoni, coperture per tombini e piastrelle per pavimentazione mescolando la plastica riciclata con la sabbia.

precisamente attraverso l’utilizzo di diversi macchinari, la plastica viene ridotto in pezzi piccolissimi, poi viene mischiata con la sabbia ad alta temperatura e i due materiali vengono compressi. Sfruttando le caratteristiche fibrose della plastica, creano dei mattoni leggeri e molto resistenti, migliori di quelli ottenuti dai procedimenti classici.

mattoni plastica
Mattoni creati riciclando tonnellate di plastica

Fino ad oggi la start up è arrivata a riciclare più di 20 tonnellate di plastica, e riesce a produce giornalmente circa 1.500 mattoni e piastrelle usando i rifiuti di plastica che andrebbero ad inquinare, l’obiettivo di quest’anno è arrivare a 50 tonnellate di plastica riciclata,

Mentre il prossimo passo sarà quello di ingrandire il progetto inserendo una seconda linea di produzione, che andrebbe a triplicare la capacità di produzione giornaliera di materiale da costruzione, e allo stesso modo a triplicare la plastica raccolta, riciclata e riutilizzata,

Grazie alla sua idea che ha trasformato in progetto concreto, l’imprenditrice Nzambi Matee, lo scorso anno ha vinto il premio Young Champions of the Earth 2020 delle Nazioni Unite

I mattoni green offrono così un’alternativa sostenibile, resistente ed economica che potrebbe portare molte aziende ad investire in questo tipo di economia circolare, inoltre risolvono anche il problema dello smaltimento dei rifiuti che le aziende dovrebbero pagare, e che Nzambi ritira a costo zero, per utilizzarli per i suoi prodotti,

oltre all’impatto positivo sull’ambiente, la start up ha creato anche più di 110 posti di lavoro e sta dando spazio e visibilità all’imprenditoria femminile in Africa

ti è piaciuta questa notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : Grande successo della barriera contro la plastica nel Tevere, che raddoppia sul fiume Aniene

oppure: “Un libro gratis ogni 10 bottiglie di plastica”, a Taranto nasce l’ecolibreria che unisce cultura e riciclo

Source and images:©Gjenge Makers gjenge.co.ke

, ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tredici + diciotto =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.