carcerati studente

Carcerati californiani raccolgono 30.000 dollari per aiutare e pagare la retta scolastica ad uno studente delle superiori in difficoltà economica

Forse non vi immaginereste mai come un gruppo di detenuti sia entrato in contatto con un giovane studente che frequenta una scuola superiore privata, ed effettivamente l’incontro è stato particolarmente insolito: un club del libro.

Tutto è iniziato quando la Palma School di Salinas, California, ha deciso di creare un’iniziativa si volontariato presso presso la prigione statale di Soledad,

proponendo un club del libro che unisse studenti liceali e carcerati con la passione per la lettura, che attraverso incontri mensili potessero beneficiare delle differenze ed imparare e svilupparsi maggiore comprensione reciproca.

il gruppo di lettura si è subito rivelato essere qualcosa di più di una semplice attività dopo la scuola, c’è subito stata sintonia tra i partecipanti, forse proprio sotto la comune passione per i libri, c’è stata subito voglia di fare amicizia e grande empatia,

tant’è che i detenuti sono andati a parare con i professori chiedendo se ci fossero dei ragazzi che aveva bisogno d’aiuto e che, visto l’apprezzamento per il programma e per il club del libro, avrebbero voluto aiutare,

Jim Michelleti, insegnante di inglese e teologia, che ha creato il programma di lettura ha spiegato: “All’inizio non ci credevo Hanno detto: ‘Apprezziamo il vostro arrivo. Vorremmo fare qualcosa per la vostra scuola … Se c’è qualche studente che ha bisogno di soldi per frequentare vorremmo aiutarlo”

Così il fortunato è stato Sy Green un ragazzo che al momento versa in una situazione di difficoltà e che trovandosi con entrambi i genitori malati ed imposibilitati a lavorare, non riusciva a coprire la retta mensile della scuola, di 1200 dollari, i detenuti hanno subito pensato ad un modo per aiutarlo

Hanno fatto una colletta all’interno e all’esterno della prigione e incredibilmente hanno raccolto 30.000 dollari per creare una borsa di studio per il ragazzo, aiutandolo a diplomarsi quest’anno e frequentare il college presso l’Accademia di Belle Arti di San Francisco.

Jason Bryant, un ex detenuto che ha fatto uno sforzo quotidiano per cambiare la sua vita, conseguendo la laurea e due master e gestendo programmi di formazione per i detenuti e che è stato determinante nel lancio della borsa di studio e nella raccolta fondi ha spiegato:

“Indipendentemente dalle scelte sbagliate che le persone fanno nella loro vita, la maggior parte delle persone vuole prendere parte a qualcosa di buono. I ragazzi erano felici di poter aiutare.”

Quando si è presentata l’occasione per fare del bene agli altri, sono stati centinaia i carcerati che hanno voluto partecipare per cambiare il destino di questo giovane ragazzo in difficoltà, ognuno voleva essere parte di questo grande atto di generosità, ognuno voleva poter dire di avere partecipato ad un gesto che poteva cambiare per sempre le sorti di uno studente bisognoso.

La famiglia di Sy Green voleva dare al proprio figlio la possibilità di srudiare in una buona scuola, (spesso le scuole pubbliche in America hanno molti problemi di emarginazione, bullismo, non garantiscono insegnamenti adeguati) ma dopo pochi mesi in cui la famiglia già tirava la cinghia per poter sostenere la retta scolastica, il papà del ragazzo ha dovuto affrontare un intervento chirurgico dopo il quale non è più stato in gradi di lavorare, impossibile quindi, purtroppo, continuare a pagare gli studi a Sy,

immaginate la sorpresa e l’incredulità di scoprire che Sy non dovrà più preoccuparsi della retta scolastica.

Frank Green il papà racconta

“Quando l’ho saputo mi sono messo a piangere, In questo momento, è stata davvero una benedizione. inimmaginabile”

Sy e la sua famiglia hanno iniziato a visitare la prigione oltre a prendere parte al gruppo di lettura di Palma. Hanno iniziato a stringere buoni rapporti con alcuni dei detenuti e quattro di loro hanno anche ricevuto un permesso speciale per partecipare alla cerimonia di diploma del ragazzo

Sy ha raccontato alla CNN che sapere che centinaia di uomini hanno fatto sacrifici per la sua istruzione, e hanno fatto uno sforzo per aiutarlo a studiare, lo ispira a fare del suo meglio e lavorare sodo ogni giorno.

carcerati studente
carcerati aiutano uno studente in difficoltà

Fonte ed Immagini: cnn.com

ti è piaciuta questa bella notizia Carcerati che aiutano uno studente? Forse allora ti potrebbero interessare anche altre nostre Buone Notizie come : Gabriele resta orfano a 2 anni, tutto il quartiere ha raccolto i fondi per pagargli le scuole

oppure: La California è il primo paese al mondo a vietare produzione e vendita di pellicce

, ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + dieci =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.