Denuncia lo sfruttamento nei call center

Sembra una favola a lieto fine, come quelle che non accadono mai. E’ stato premiato il coraggio di Michela Piccione, pugliese di 36 anni.

Finita a lavorare in un call center da incubo, ha reagito alle sopraffazioni. Ha denunciato lo sfruttamento e ha ottenuto la chiusura immediata del call center, che pagava 33 centesimi anziché 6 euro l’ora, come era scritto nel contratto.

Ha scritto a tutte le autorità locali e nazionali per denunciare la drammatica condizione dei call center. Soltanto il bravo sindacalista Andrea Lumino ha immediatamente abbracciato la causa di Michela, subendo anche intimidazioni e realizzando importanti obiettivi nella tutela dei giovani lavoratori.

Nessun altro ha risposto a Michela, né ministri dello stato, né esponenti della Regione Puglia. Il presidente della Repubblica, però, ha premiato tanto coraggio con il cavalierato dell’ordine al merito della Repubblica italiana.

La motivazione: “Per il suo coraggioso gesto di denuncia delle condizioni di sfruttamento del lavoro giovanile“.

Un coraggio che ha accompagnato la vita di Michela, come lei stessa ha dichiarato nell’intervista a Positizie. Ora la Tim ha offerto un lavoro a tempo indeterminato, dopo vent’anni di precariato in diversi settori.

Intervista a Michela Piccione

Come sono le condizioni di lavoro nel call center?

Possono essere pessime, nei sottoscala, nei garage, con paghe molto basse. Noi eravamo in dieci in una piccola stanza. Il mio datore di lavoro in precedenza aveva un call center con contratti da 1 euro l’ora.

Il sindacalista tarantino Andrea Lumino contro lo sfruttamento nei call center
Il sindacalista tarantino Andrea Lumino ha appoggiato la battaglia contro lo sfruttamento

L’onorificenza di Mattarella dà valore al fatto che si reagisca alle sopraffazioni. Ora come intendi proseguire?

Di questa onorificenza sono molto grata. C’è una forma di caporalato nei call center. Deve esserci una legge che tutela. Vanno cambiati i contratti di lavoro, dopo un periodo di tempo. Nella mia terra è più facile che ci siano queste situazioni, ma vi sono anche altrove. Io ho risposto, per esempio, a un annuncio di Roma che proponeva di recuperare crediti; si doveva minacciare i clienti al telefono, esigendo morosità che non erano vere. Ti pagavano solo se riscuotevi.

Questa è una truffa. Buttano l’esca e tu ci caschi.

Quali valori ti sostengono in tanto coraggio e tanto impegno?

Ho sempre avuto in mente la testimonianza di Falcone e Borsellino, in particolare la frase: “Chi ha paura muore due volte; chi non ha paura muore una volta sola“. E’ una frase di vita. Ci sono sfruttamenti diversi. Se le persone reagissero le cose cambierebbero. Non dobbiamo avere paura di far valere i nostri diritti.

Grazie.

Francesca Vian francescavian@gmail.com

Denuncia lo sfruttamento nei call center
Michela Piccione: Denuncia lo sfruttamento nei call center

Ti è piaciuta questa buona notizia? Allora forse può piacerti anche un’altra bella notizia di un inventore ex analfabeta

Ti è piaciuta questa buona notizia? Allora forse può piacerti anche un’altra bella notizia sull’ambiente nei tempi della pandemia

Francesca Vian

Appassionata del sociale fin da bambina, vince a 13 anni la sua prima battaglia, facendo abolire il grembiule nero imposto solo alle ragazze; a 17 anni gira un intero polo ospedaliero per chiedere denunce, e poi… non si è più fermata. Fedele al motto di Don Lorenzo Milani che “la parola è la chiave fatata che apre ogni porta”, ha continuato a consumare le scarpe per “aprire le porte” e a studiare il linguaggio, perché crede che soltanto la consapevolezza ci possa assegnare un mondo migliore. E sono ancora tante le porte che si debbono aprire. Lo sguardo è lucido, ma deliberatamente ottimista, forte di un inesauribile impegno civile. Autrice di "Resistere in piedi", Millelire di Stampalternativa, "I baci di Matteo Salvini. I 37 segreti di una propaganda" e altri.

STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.