uragano cani

Messico, fuori c’è l’uragano Delta, il proprietario di casa Ricardo Pimentel accoglie 300 cani abbandonati per proteggerli

Pochi giorni fa quando la penisola dello Yucatan in Messico stava per essere flagellata dall’uragano Delta, Ricardo Pimentel appassionato amante degli animali e attivista, ha deciso di dare al maggior numero di animali abbandonati possibile una sistemazione al riparo protetti dalle intemperie,

così ha aperto le porte di casa sua a 300 cani e non solo, oltre ai migliori amici dell’uomo, ha accolto anche gatti, pulcini, conigli, alcune pecore e un riccio.

sembra una scena di un film oppure ricorda un pò la storia dell’arca di Noe, èppure è quello che è successo e che il giovane, che gestisce un rifugio per animali abbandonati, Tierra de Animales vicino a Leona Vicario, in Messico, che ha fondato lui stesso quasi 10 anni fa,

ha immortalato il passaggio dell’uragano e tutti questi animali in casa, attraverso dei post sui social, mentre al piano terra sono stati messi al sicuro i 300 cani, una decina di gatti si sono riparati nella stanza del figlio mentre nella stanza della figlia c’erano pulcini, conigli e il riccio. Infine le pecore sono state sistemate nel patio.

tutti hanno trovato rifugio contro lo spaventoso passaggio dell’uragano, al caldo, in casa, senza pericoli, tutti sono sopravvissuti alla tempesta… unico lato negativo, racconta scherzano Ricardo sui social:

“In casa per giorni c’è stato un odore terribile! Ne valeva la pena: Tutti sono sopravvissuti alla tempesta. Le cose che hanno rotto possono essere riparate o ricomprate, la casa ripulita, ma la cosa bella è vederli felici, sani e sicuri, senza traumi e ora hanno anche maggiori opportunità di essere adottati.”

Inizialmente Ricardo ha pensato che sarebbe bastato proteggere il suo rifugio per animali e portare al chiuso gli animali abbandonati, ha messo le sbarre alle finestre, inchiodando assi alle porte, e tagliando i rami intorno alla struttura,

quando però ha visto le immagini della furia e potenza dell’uragano aveva abbattuto alberi, messo fuori uso l’energia elettrica e provocato l’evacuazione di migliaia di residenti e turisti, non ci ha pensato un attimo e ha trasferito tutti gli animali a casa propria, luogo più sicuro e solido,

Ci sono volute ore per trasferire e separare tutti gli animali in base alla loro specie, ma mentre Ricardo era preso nelle operazioni di messa in sicurezza di tutti gli abitanti del rifugio,

i suoi post online facevano il giro del mondo raccogliendo il pieno di like e di generosità, con migliaia di euro donati per la sistemazione del rifugio e per poter comprare da mangiare a tutti i suoi ospiti, la rete ha portato a creare la più grande raccolta fondi da quando ha aperto Tierra de Animales.

Così passato l’uragano, mentre i vicini si sono fatti avanti per aiutare a ripulire i danni inferti da Delta al rifugio, gli animali sono potuti tornare al loro rifugio provvisorio, in attesa di trovare una nuova casa che li accolga e nuovi padroni che li amino

Mentre Ricardo con il suo bel gesto oltre ad avere commosso i social, ha anche ricevuto il supporto per poter mandare avanti il rifugio, ripararlo dai danni dell’uragano e per poter aiutare tanti altre animali abbandonati.

Messico, fuori c'è l'uragano Delta, il proprietario di casa Ricardo Pimentel accoglie 300 cani abbandonati per proteggerli. Fondatore del...
Ricardo Pimentel insieme ai 300 cani che ha protetto dall’uragano

Fonti ed Immagini: Pagina Facebook Ricardo Pimentel/Tierra de Animales

ti è piaciuta questa bella notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : Diavolo della Tasmania torna in Australia dopo 3000 anni

oppure: Kenya l’agricoltore che porta acqua agli animali selvatici per salvarli dalla siccità

, ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − dodici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.