cervi sibillini

Nel Parco nazionale dei Sibillini, i cervi reintrodotti qualche anno fa, sono riusciti a ricrearsi un habitat e prosperare, l’ultimo censimento ne ha contati 800

il cervo è un mammifero fondamentale per un ecosistema naturale, la sua presenza aiuta a ricostruire equilibri naturali tra predatori e prede e flora e fauna, rappresenta una preda fondamentale per i lupi,

una presenza importantissima che però negli anni aveva iniziato a diminuire fino a scomparire per duecento anni 0dal parco nazionale dei monti Sibillini, alterando molto equilibri naturali, così nel 2005 era stato reintrodotto nel parco a secoli dalla sua scomparsa,

con la speranza che si riuscisse a riadattare a stabilire il suo habitat e a riprodursi negli anni successivi, per tracciarne le attività ogni anni viene fatto un censimento del numero di esemplari presenti,

e i dati di quest’anno sono davvero incoraggianti, infatti sembra che i cervi siano riusciti ad ambientare nel parco, a stabilire un equilibrio con gli animali cacciatori e a prosperare,

arrivando al 12 censimento, quello di quest’anno in cui se ne sono contati più di 800 esemplari, che vivono i molti e che hanno portato ad un nuovo equilibrio naturale nella zona e ad un aumento della biodiversità,

l’importanza di questa specie era stata spiegata durante la reintroduzione il Direttore del Parco, Alfredo Fermanelli

“Il ritorno di questa specie, estinta dai Sibillini da quasi 200 anni, risulta fondamentale per il ripristino degli ecosistemi originari: anche il lupo, specie d’interesse conservazionistico prioritario a livello europeo, ne beneficerà. Di conseguenza riteniamo inoltre che si ridurranno progressivamente le interazioni con gli animali allevati dall’uomo.

Anche dal punto di vista della valorizzazione del territorio questo intervento è di particolare significato proprio perché in questo modo molti visitatori ed amanti del territorio dei Sibillini potranno avere, sempre più frequentemente, la fortuna di osservare i nobili e maestosi esemplari di cervo muoversi liberamente nei boschi e nelle praterie del parco, valorizzando con la loro presenza, anche sotto il profilo turistico, questo straordinario territorio”

Il censimento realizzato ad inizio mese, fa parte del progetto WOLFNET 2.0 direttiva biodiversità promosso dal Ministero dell’Ambiente

Alessandro Rossetti, biologo del Parco spiega:

“Ad oggi abbiamo rilevato circa 800 esemplari concentrati prevalentemente sull’alta valle del Nera, un numero importante considerando che il cervo è stato reintrodotto nel territorio del Parco da zero nel 2005”

“Il censimento permette di monitorare il trend di crescita della popolazione dei cervi, parliamo di un mammifero che contribuisce alla ricostruzione degli equilibri naturali delle aree boschive”

cervi sibillini
prosperano i cervi nel parco nazionale dei Sibillini

ti è piaciuta questa bella notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : Il parco di Yellowstone ha ripreso vita grazie al reinserimento dei lupi

oppure: Francia stop all’uso di animali selvatici nei circhi e agli allevamenti di visoni 

Fonti : sibillini.net

, , , ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − 10 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.