18enni regala pc

un gruppo di 18enni a Milano ricondiziona PC che poi regala agli studenti che non se li possono permettere e che, altrimenti, non potrebbero seguire le lezioni

L’anno scolastico, è vero, è terminato, e con lui speriamo sia finita anche la fase più calda e drammatica dell’emergenza sanitaria, quella che un trasferito online tutte le lezioni d’aula.

Purtroppo però anche se si spera che il peggio sia passato, non c’è nessuna certezza sullo sviluppo del virus e su come potrebbero procedere le lezioni nei prossimi mesi oppure in futuro,

e non sono rari i casi in cui non tutti gli studenti siano riusciti ad accedere alle lezioni online per svariati motivi, dal non potersi permettere un computer al avere magari un solo dispositivo in famiglia e doverli dividere tra genitori e fratelli, tutti con la stessa necessità di stare collegati,

per cui Jacopo Rangone, il fondatore del gruppo, insieme a 3 suoi amici, tutti studenti dell’ultimo anno del liceo, stanno continuando il lavoro di volontariato, di aiuto e supporto agli studenti in difficoltà economica,

“la didattica digitale è un diritto di tutti” questo è il pensiero che guida questi giovanissimi liceali che voglio aiutare gli studenti più in difficoltà, che non si possono permettere un computer e che quindi verrebbero tagliati fuori dalle lezioni online,

i quattro giovanissimi sono: Jacopo Rangone, Matteo Mainetti, Emanuele Sacco e Pietro Cappellini, e negli scorsi mesi hanno creato un sito internet, pc4u.tech in cui chi vuole può offrire il suo vecchio pc e tablet e chi ha bisogno lo può ricevere, gratuitamente, risistemato e “messo a nuovo” dai ragazzi,

un sito semplice che arriva dritto all’obiettivo, fare incontrare gratuitamente domanda di chi ha bisogno e offerta di chi vuole donare il suo computer o tablet vecchio che non usa più,

Nel mezzo i 4 ragazzi, anche con l’aiuto di un tecnico specialista, ricondizioniamo i computer e i tablet, prima di consegnarli e li rendono di nuovo pronti all’uso,

Sono diversi le famiglie e gli studenti che hanno già ricevuto il loro computer “nuovo” e i genitori, quando capiscono da chi viene questo computer e questa idea, dalla generosità di 4 18enni, restano sempre increduli e meravigliati dalla voglia di fare e di aiutare di questi giovanissimi amici,

una mamma, il cui figlio ha ricevuto uno dei computer racconta:

“Sono ancora meravigliata dal fatto che quattro ragazzi così giovani abbiano potuto portare avanti un’idea così. Sembra una favola me è la realtà”

l’obiettivo dei ragazzi non si ferma a questa emergenza sanitaria, ma loro visione d’insieme va ad abbracciare quello che è un problema più grande, quello della digitalizzazione come diritto di tutti,

infatti secondo dati istat, il 33,8% delle famiglie italiane non ha un pc o un tablet in casa, e che il 57% dei ragazzi deve condividere un solo computer in famiglia,

il divario andando verso un era sempre più digitale, sarà sempre maggiore tra scuole e famiglie, per cui i ragazzi voglio porsi come aiuto ad un processo di digitalizzazione che è Italia è in ritardo rispetto al resto d’Europa, ed ridurre il divario tra le famiglie che si possono permettere computer e quindi anche un’istruzione online, e chi invece non se lo può permettere e quindi rischia di rimanere escluso dagli studi.

un bellissimo progetto, nato da dei ragazzi giovani ma che hanno già le idee chiare su come fare del bene ed aiutare i loro coetanei! Complimenti!

18enni regala pc
a Milano un gruppo di 18enni ripara e regala pc a chi e ha bisogno

ti è piaciuta questa bella notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : Scomodo: 850 volontari creano la rivista studentesca, indipendente, più letta d’Italia

oppure : Cucina Brigante: a Padova un gruppo di giovani salva alimenti dal macero e li regala ai cittadini

Fonti ed Immagini : pc4u.tech

, ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × 1 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.