lupi parco Yellowstone

E´ in corso ancora oggi il grande cambiamento del parco di Yellowstone grazie al inserimento dei lupi.

Il parco di Yellowstone ci mostra come un ecosistema può cambiare inaspettatamente e riprendere vita grazie al rienserimento di un tipo di animali, in questo caso i lupi, che pur essere considerati “terribili predatori” dall’immaginario collettivo hanno innescato una serie di cambiamenti unici ed inaspettati.

Nel 1977 lo US fish and wildlife service insieme ad un gruppo di biologi attraverso degli studi e delle analisi del territorio ha deciso di reinserire 14 lupi nel parco americano di Yellowstone, questi animali che mancavano dal 1926, hanno fatto rifiorire e dato nuova vita al parco e ancora oggi si possono vedere i sorprendenti cambiamenti della flora e della fauna che riportati da questi animali.

Dopo il rilascio in libertà dei 14 esemplari di lupi questi hanno iniziato a cacciare i cervi di cui sono predatori naturali, i cervi di conseguenza hanno iniziato ad abbandonare alcune aree del parco in cui si erano stanziati ed in cui proprio per il nuovo inserimento dei lupi sarebbe stati facili prede.

I cervi, erbivori, avevano impoverito molto l’area nutrendosi di molti tipi di flora che cresceva in quelle zone, così la conseguenza dello spostamento dei grandi erbivori ha permesso ai pioppi e salici piangenti di non trovare più i loro “nemici naturali” e di crescere e rifiorire copiosamente,

Oltre a queste due specie di alberi per la stessa ragione negli anni hanno iniziato a riapparire e si sono sviluppata anche altri tipi di cespugli, come per esempio diverse specie di frutti di bosco che hanno attratto molti tipi di insetti autoctoni, che a loro volta hanno attirato i loro predatori naturali, gli uccelli, che a loro volta hanno attirato i loro predatori naturali, i grandi rapaci.

Da tanto tempo non si avevano nemmeno piú le traccie del castoro fino a quando, in seguito ad un sostanziale sviluppo e cambiamento di flora e fauna del parco, anche il grande roditore è ricomparso e ha ricominciato a costruire dighe che poi hanno facilitato a loro volta lo spostamento di verse specie di rettili e di roditori come le lontre e i topi muschiati.

Non solo, i lupi hanno ridotto anche la popolazione dei coyote e così facendo è aumentata la presenza di conigli e topi, che ha poi attratto volpi rosse, tassi, falchi, donnole ed aquile reali.

Le ricerche portate avanti da team di biologi e guide del parco hanno sorpreso tutti mostrando agli studiosi che i lupi, in seguito alle loro azioni totalmente naturali ed istintive e al loro riprendere possesso della natura, hanno messo in atto un cambiamento tale da arrivare a modificare i corsi d’acqua.

Avendo riportato un maggior equilibrio tra predatori e prede anche molte altre specie hanno potuto svilupparsi. Mentre per effetto dell’aumento della vegetazione l’erosione del suolo è diminuita e le sponde dei fiumi si sono stabilizzate. Si sono formati stagni e i fiumi si sono stabilizzati. sono ridotti anche i canali.

Il lupo é un selettore naturale. Controlla la popolazione delle sue prede ed eliminale carcasse di animali morti per cause naturali.

Così facendo questi grandi predatori spesso temuti e sterminati hanno ridato vita all’intero ecosistema del parco di Yellowstone creando della reazioni a catena di rigenerazione della flora e della fauna locale che hanno portato addirittura alla modifica della geografia fisica del parco.

Quando si trova un giusto equilibrio tra cacciatori e prede, quando si bilanciano accuratamente gli elementi naturali tutto ne trae beneficio

Mariana Degano

lupo grigio del parco di Yellowstone
lupi grigi del parco di Yellowstone

Ti é piacuta questa buona notizia? forse allora potrebbero interessarti anche altri nostri articoli di notizie positive come: La-norvegia-vieta-gli-allevamenti-di-animali-da-pelliccia-e-chiudera-tutti-quelli-esistenti

oppure: Sud-sudan-pianterà-100-milioni-di-alberi-nei-prossimi-5-anni-contro-la-deforestazione

Fonti: theguardian.com

, ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + undici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.