cessate il fuoco guerra

chiamiamoli “effetti positivi” della pandemia: in tanti paesi in guerra è stato proclamato il cessate il fuoco per l’emergenza sanitaria

vogliamo sempre cercare il lato positivo degli eventi e questa terribile emergenza sanitaria ha avuto un effetto virtuoso, almeno sui paesi in guerra,

in paesi da anni tormentati da conflitti interni, guerre ed uccisioni, si ribelli e guerriglieri che eserciti governativi hanno deciso di aderire alla richiesta di tregua lanciata dal segretario generale dell’Onu Antonio Guterres, che proprio a causa di questa emergenza sanitaria a metà Marzo aveva chiesto ufficialmente di cessate il fuoco, bloccare i conflitti e concentrarsi sulla battaglia per le vite,

l’appello di Guterres era soprattutto volto a proteggere i civili e le persone più vulnerabili, come i bambini, le donne e le persone fuori dai conflitti, di fronte alla furia del Covid-19, il segretario aveva usato queste parole:

“La furia del coronavirus mostra la follia della guerra. Ecco perché chiedo un cessate il fuoco globale e immediato in tutti gli angoli del mondo. È tempo di bloccare i conflitti armati e concentrarsi sulla vera lotta delle nostre vite.

Alle parti in guerra dico: ritiratevi dalle ostilità. Il virus non si preoccupa di nazionalità, etnie, fede e nel frattempo i conflitti armati infuriano in tutto il mondo. I più vulnerabili, donne e bambini, persone con disabilità, emarginati e sfollati, pagano il prezzo più alto”

Successivamente il messaggio è stato rilanciato anche da Papa Francesco e alla richiesta si sono uniti i 53 Paesi membri delle Nazioni Unite compresa l’Italia, a titolo nazionale e in veste di membri del Gruppo di Amici su Bambini e Conflitti Armati, del Gruppo di Amici su Donne, Pace e Sicurezza e di Amici sulla Protezione dei Civili.

le possibilità che il messaggio avesse un seguito erano davvero scarne, infatti in pochi si sarebbero aspettati che in Siria, Yemen, Filippine, Colombia e Camerun si seguisse l’appello dell’Onu e che uno dopo l’altro questi paese in guerra di accordassero per il cessate il fuoco stipulando accordi di pace temporanea,

il primo paese ad avere aderito è stato il Camerun, in cui gli Socadef, i ribelli delle Forze di difesa camerunensi del Sud hanno stipulato un’accordo di pace umanitaria

allo stesso tempo anche lo Yemen, che da 5 anni è devastato da una guerra interna, il governo e i ribelli houthi hanno proclamato un cessate il fuoco temporaneo per concentrarsi sulla lotta all’emergenza umanitaria, come riportato dall’inviato dell’Onu presso il paese, Martin Griffiths,

successivamente il governo delle Filippine ha insieme al partito comunista dello stesso paese hanno deciso di siglare una tregua umanitaria

a seguito dell’appello di papa Francesco, anche in Colombia l’Ejercito de liberación nacional (Eln), la più grande e antica guerriglia del paese ha dichiarato un cessate il fuoco unilaterale, come gesto umanitario

in ultimo si è unita la Siria, da anni sede di terribili guerre, in cui parte delle forze in campo nei conflitti, le forze democratiche siriane , Sdf, hanno avvallato l’idea della tregua rendendosi disponibili a fermare ogni azione militare che portano avanti nel paese,

mentre il Segreterio generale dell’Onu ha spronato le altre forze facente parte dei conflitti in Siria a comportarsi nello stesso modo,

un momento così difficile per tutto il mondo si può paradossalmente dimostrare utile per tutti gli innocenti coinvolti da anni nei conflitti bellici e che pagano le conseguenze dell’odio e della violenza,

un momento per tornare a respirare lasciando da parte kalashnikov e bombe a mano, concentrandosi sull’emergenza sanitaria e che ci auguriamo magari possa aprire gli occhio sulla terribile devastazione causata dalle guerre e salvare delle vite umane innocenti.

cessate il fuoco guerra
proclamato il cessate il fuoco in paesi in guerra


ti è piaciuta questa bella notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : da-nord-a-sud-dallitalia-e-dal-mondo-le-moltissime-iniziative-solidali-che-ci-uniscono-ai-tempi-del-coronavirus

oppure : Dalle-lepri-nei-parchi-di-milano-ai-germani-nelle-fontane-di-roma-la-natura-si-riprende-le-città-deserte

Fonti : Nazioni Unite

, , ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei + 11 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.