villa casamonica autismo

La villa confiscata ai Casamonica a Romanina rinasce a nuova vita come casa delle persone con autismo

A Roma la villa confiscata alla criminalità organizzata, al clan dei Casamonica diventerà un centro di inclusione attiva e sviluppo, verrà consegnata all’Angsa del Lazio, vincitrice di un bando pubblico della regione, e ha aperto il 15 Febbraio,

Da sede della criminalità, a spazio per la socialità, l’inclusione e l’accoglienza di persone con problemi autistici, un nuovo volto per una villa a Romanini, periferia sud di Roma, residenza storica del Clan dei Casamonica,

in cui dal 15 Febbraio è aperta la casa dell’inclusione attiva, dedicato ad accogliere e valorizzare le persone con autismo e a condividere la loro unicità,

La villa che si trova in via Roccabernarda n 16, era stata dichiarata abusiva nel 2009, sgomberata nel 2013, quindi finita sotto il controllo del Demanio e infine entrata nel patrimonio immobiliare della Regione Lazio,

d’ora in poi l’immobile avrà finalità sociali, infatti nei terreni confiscati si sta sviluppando il parco della legalità, con la sede dell’Angsa Lazio, l’Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici,

di cui gli associati hanno preso possesso nell’estate del 2018 e che dall’inizio del 2019 hanno iniziato a ristrutturare facendo il grosso dei lavori, home-made improvvisandosi muratori, carpentieri, elettricisti, andando a lavorare alla nuova sede nel weekend, e nel tempo libero, per quella che oggi l’associazione stessa definisce una vera e propria “impresa del cuore”

Stefania Stellino presidente dell’associazione e mamma orgogliosa di Daniel e Nicole entrambi con autismo racconta:

«Questo è un sogno che si sta per concretizzare. Abbiamo curato i minimi particolari per realizzare uno spazio condivisibile per tutti i cittadini, partendo dalle esigenze delle persone nello spettro autistico, non trascurando la disabilità motoria. Ma non siamo stati soli in questa “fatica”, tante sono le persone che ci hanno dato una mano come i ragazzi di Libera e del progetto Daje, e molte altre realtà che ringrazio,»

poi continua: «D’altronde siamo abituati ad inventarci ogni giorno per i nostri figli tirando fuori risorse inimmaginabili ma del tutto normali per chi vive l’autismo 24 ore su 24 come noi genitori»,

Mentre Erica Battaglia la consigliere della direzione regionale del Lazio del Pd commenta

«In un momento storico in cui Roma di certo non brilla sull’intervento sociale, questa casa è un miracolo. La notizia ci riempie di soddisfazione ed orgoglio. La Regione Lazio é stata efficiente nel restituire al territorio un bene sequestrato alla criminalità. La destinazione ad uso sociale e il bando vinto dalle famiglie di Angsa é un vero e proprio arricchimento per la nostra periferia e il segnale forte che le Istituzioni ci sono»

villa casamonica autismo
villa casamonica diventa un centro per l’autismo

Ti è piaciuta questa bella notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : pizzaaut-nascerà-a-milano-la-prima-pizzeria-al-mondo-gestita-da-ragazzi-autistici

oppure : a-milano-apre-la-prima-scuola-per-ragazzi-con-asperger

Fonti: regione.lazio

, ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

undici − 10 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.