tumore seno farmaco

Via libera dell’Aifa, alla rimborsabilità di un farmaco contro il tumore metastatico al seno

In italia c’è una possibilità in più per chi ha un tumore metastatico al seno, un nuovo farmaco, che permetterà di ritardare in media di 30 mesi il momento in cui ricorrere alla chemioterapia e permette di aumentare la sopravvivenza dei pazienti di oltre 9 mesi,

L’Aifa, l’agenzia italiana del farmaco ha approvato  e pubblicato sulla Gazzetta ufficiale la rimborsabilità dell’abemaciclib, un nuovo farmaco sviluppato e prodotto da Lilly che è un inibitore selettivo delle chinasi ciclina-dipendenti (Cdk 4&6)

il farmaco è disponibile anche sul mercato italiano per alle donne con il tipo di tumore al seno più frequente, con carcinoma mammario avanzato o metastatico ormono-sensibile (HR+/HER2-), che rappresenta circa il 70% dei casi

abemaciclib in terapia insieme a un altro farmaco della terapia ormonale, il fulvestrant, ha portato a migliorare l’aspettativa di vita in media di 46,7 mesi rispetto ai 37,3 mesi di trattamento con solo il fulvestrant.

Un’ampia analisi di 140 studi, coordinata da medici e ricercatori italiani e pubblicata su Lancet Oncology, aveva già dimostrato che questo tipo di terapia combinata non è inferiore alla chemioterapia.

In Italia si stima che vi siano circa 37 mila le donne con un tumore metastatico, con 10 mila nuove diagnosi l’anno, di cui oltre 3 mila casi già metastatici alla prima diagnosi , questo significa che queste pazienti potranno essere trattate con la combinazione ed evitare la chemio. 

Un dato estremamente positivo è che è stata osservata l’efficacia del farmaco anche su pazienti con fattori prognostici negativi, il cui tumore era rapidamente progredito o si era diffuso ad altri organi, come il fegato o i polmoni

Pierfranco Conte, direttore della divisione di oncologia medica 2, all’Istituto oncologico veneto e docente di oncologia medica all’Università di Padova ha spiegato :

«Abemaciclib porta con sé numeri davvero importanti per moltissime donne con tumore del seno metastatico. Questo farmaco è un inibitore selettivo molto efficace in grado di prolungare il controllo della malattia nelle pazienti con tumore al seno sensibile agli ormoni».

aveva già mostrato un notevole beneficio in termini di sopravvivenza libera da progressione, ma ora, i risultati del Monarch 2, mostrano un miglioramento significativo anche nella sopravvivenza globale delle donne affette da carcinoma mammario avanzato HR+, Her2-. Ora queste pazienti hanno un’opzione di trattamento che può consentire loro un allungamento di vita.

Non dimentichiamo che quando ricevono una diagnosi di carcinoma mammario avanzato, le pazienti apprendono anche che la loro malattia, per quanto possa essere gestita, rimane incurabile. Oggi possiamo offrire una speranza in più».

molecola blocca cancro al seno

ti è piaciuta questa bella notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : nobel-per-la-medicina-immunoterapia-eliminera-tutti-i-tumori-entro-il-2050

oppure :individuata-molecola-blocca-lo-sviluppo-cancro-al-seno

Fonti : ilgiornale

, ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + quindici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.