Coronavirus ricercatrici italiane

Sono tre le ricercatrici italiane che hanno isolato il coronavirus, primo passo fondamentale per arrivare al vaccino

Come sappiamo da mesi , in tutto il mondo, c’è allarme per il coronavirus, un particolare tipo di virus che ha trovato il suo epicentro a Wuhan in Cina ma che si è diffuso e si sta diffondendo anche in altre regioni della Cina e con casi anche in Europa e nel resto del mondo.

Risulta  che dai primi di dicembre 2019 ad oggi, sarebbero quasi 24300 i contagi e oltre 400 i morti causati (o concausati) dal virus 2019-nCoV, e secondo l’Oms, il 99% dei casi accertati è in Cina.

Anche in Italia come nel resto del mondo si sta diffondendo la psicosi, le persone hanno paura e si sono registrati anche nel nostro paese due casi di di persone provenienti da Wuhan affette da questo tipo di virus.

Ebbene, proprio in questi giorni, con grande orgoglio, è stato dato l’annuncio  dal ministro della Salute, Roberto Speranza che 3 scienziate italiane  Maria Rosaria CapobianchiConcetta Castilletti e Francesca Colavita dell’INMI (Istituto Nazionale per le Malattie Infettive) “Lazzaro Spallanzani”di Roma hanno isolato il coronavirus.

Il risultato è molto importante, è la prima volta che la sequenza del virus viene isolata in Italia, e l’isolamento permette di sequenziare il virus e confrontarlo con i ceppi già isolati anche in Cina e al di fuori della Cina in Paesi come Francia e Australia per valutare eventuali mutazioni e cambiamenti

Lo stesso ministro della Salute ha poi spiegato in conferenza stampa :

“aver isolato il virus significa avere molte opportunità di poterlo studiarecapire e verificare meglio cosa si può fare per bloccare la diffusione. Sarà messo a disposizione di tutta la comunità internazionale. Ora sarà più facile trattarlo”.

Coronavirus : Ricercatrici italiane che hanno isolato il virus
Coronavirus : Le ricercatrici italiane che hanno isolato il virus

Una vittoria italiana e tutta femminile che ci fa dire, consentitemelo, che siamo un grande paese e le donne ancora una volta hanno dimostrato il loro valore e la loro capacità professionale.

Ma chi sono le tre ricercatrici dello Spellanzani di Roma:

Maria Rosaria Capobianchi, a capo del laboratorio, 67enne di Procida, laureata in scienze biologiche e specializzata in microbiologia. Dal 2000 lavora allo Spallanzani e in questi anni ha dato un contributo fondamentale nella risposta di laboratorio alle emergenze infettivologiche in ambito nazionale.

Concetta Castilletti, detta “mani d’oro” invece, è siciliana, classe 1963 e responsabile della Unità dei virus emergenti.

Infine c’è Francesca Colavita, giovane ricercatrice molisana, purtroppo precaria con un contratto a termine, conosciuta per aver compiuto diverse missioni in Sierra Leone per fronteggiare l’emergenza Ebola.

Naturalmente non solo loro ma anche tutti gli altri membri del team  hanno collaborato per arrivare a questo straordinario risultato.

Questo dimostra come anche nella scienza, le donne sanno dare il loro contributo fondamentale.

Un appello fondamentale, proprio alla luce di questo grande risultato scientifico è quello di continuare ad investire nella ricerca, come priorità, dare quindi la possibilità ai nostri ricercatori di lavorare in un paese dove l’impegno, la professionalità, l’intelligenza vengono tutelati e premiati.

Un grazie a tutti i ricercatori per lo straordinario lavoro!

Carla De Roia

“Ti è piaciuta questa Buona Notizia sulle ricercatrici italiane che hanno isolato il virus? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre buone notizie come alzheimer-scoperta-molecola-che-può-bloccare-la-malattia

oppure in-italia-un-intervento-unico-al-mondo-il-primo-trapianto-di-vertebre-umane

Fonti e Immagini : Salute.gov.it – Roberto Speranza

, ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno + sei =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.