interceptor per ripulire i fiumi dalla plastica

Interceptor la nuova idea per ripulire i fiumi dalla plastica

Suo fratello maggiore, Ocean Clean up, il progetto milionario di Boyan Slat per ripulire gli oceani dalla plastica e dall’inquinamento, dopo anni di perfezionamento e rodaggio, finalmente è da diverse settimane al largo della California

al lavoro sulla cattura di tonnellate di rifiuti che negli anni si sono accumulati e sono andati a creare una delle più grandi isole di plastica, che si trova nell’Oceano Pacifico ,

scettici e critiche permettendo, rispetto ai tempi lunghi per la realizzazione del progetto e al costo molto elevato, è stato lo stesso creatore del progetto a raccontare poco tempo sui suoi social media che il progetto finalmente è partito e che Ocean Clean Up sta funzionando e dando i primi risultati tangibili,

Ora è proprio Boyan Slat a lanciare un nuovo sistema, figlio del precedente, pensato apposta per dedicarsi alla pulizia di corsi d’acqua e fiumi, per intercettare la plastica alla fonte, cioè prima che entri negli oceani, infatti ormai è verificato che la grande maggioranza degli inquinanti marini, circa l’80%, arriva in mare attraverso i corsi d’acqua e la terra ferma.

Così interceptor attraverso un sistema di tubi e barriere, vuole catturare milioni di tonnellate di plastica e microframmenti direttamente nei fiumi, prima che vengano portati in mari e oceani,

il creatore di Ocean Clean Up spiega:

“Per liberare veramente gli oceani della plastica dobbiamo sia ripulire l’oceano sia chiudere il rubinetto evitando che ancora più plastica raggiunga il mare. Combinando la nostra tecnologia di pulizia dell’oceano con Interceptor adesso esistono le soluzioni per affrontare il problema da entrambi i lati”

Interceptor è una chiatta di 24 metri, che funzionerà da barriera raccogli rifiuti nei principali corsi d’acqua, funziona ad energia solare e dotato di alcune batterie al litio, privo di rumore o fumi di scarico e rimane attiva 24 ore su 24,

in condizioni ideali i progettisti hanno calcolato che possa raccogliere da 50 a 100 mila chili di rifiuti al giorno, immagazzinandoli all’interno della macchina in specifici contenitori fino a che, quando Interceptor è pieno, in automatico viene inviato un segnale agli operatori che possono andare a svuotarlo e smaltire il materiale raccolto,

importate ricordare, come spiegato nelle presentazioni del progetto, che il sistema e le sue barriere ancorate al letto del fiume non interferiscono ne con la fauna locale ne con navi e pescherecci,

i primi interceptor sono già entrati in funzione in alcuni dei più inquinati corsi d’acqua del mondo, nello specifico al momento sono al lavoro, e stanno dando buoni risultati in fiumi a Jakarta (Indonesia) e Klang (Malesia)

poi ne verranno sistemati altri nei corsi d’acqua Can Tho nel Delta del Mekong (Vietnam) e a Santo Domingo, ma Boyan Slat punta molto in alto, da qui ai prossimi 5 anni ha intenzioni di creare e posizionare queste chiatte raccogli rifiuti nei 1000 fiumi più inquinati dei pianeta.

Non possiamo che augurarci che il progetto continui a funzionare e si riescano a raggiungere gli sperati risultati di pulizia dei fiume e rimozione degli inquinanti!

ripulire fiumi plastica
interceptor per ripulire i fiumi dalla plastica

ti è piaciuta questa notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : ocean-cleanup-per-pulire-gli-oceani-funziona-e-sta-catturando-tonnellate-di-plastica

oppure : adidas-vendute-6-milioni-di-scarpe-fatte-con-la-plastica-degli-oceani

Fonti ed immagini : theoceancleanup.com/rivers

, ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.