infermiera dona fegato paziente

‘Meritava una possibilità’

Così l’infermiera dona parte del fegato al suo piccolissimo paziente

una bella storia che arriva dal reparto di pediatria del Medical Center di St. Luke a Meridian, in Idaho, negli Stati Uniti, dove poche settimane fa un’infermiera dell’ospedale ha deciso di compiere un incredibile gesto di generosità,

la protagonista del bel gesto di chiama Sarah Harris e ha incontrato per la prima volta il suo piccolo paziente Cole Carter lo scorso autunno, il bimbo era nato da 8 settimane ed era ricoverato nella pediatria dell’ospedale perchè soffriva di una rara malattia del fegato,

nei mesi successivi sono stati provati diversi tipi di trattamenti sul bambino, ma nessuno è risultato efficace, l’unica soluzione restante era quella di un trapianto di fegato, ma entrambi i genitori e i familiari del bambino non erano compatibili e quindi non potevano essere i donatori,

L’infermiera Sarah presasi a cuore la sorte del bambino sapeva che l’unica soluzione alternativa per salvare la vira di Cole era trovare un donatore volontario, compatibile con il fegato del bambino, cosa assolutamente non semplice,

Sarah ha ricordato :

“Cole era molto malato. Continuava a formarsi liquido nell’addome perché il fegato non riesce a drenarlo. Il suo ventre si stava riempiendo e dovette andare un paio di volte per liberarsene. Non stava mangiando bene. La sua pelle era davvero gialla “.

Così ha pensato :

“Questo bambino merita di vivere. Merita una possibilità e senza una donazione non ne ha una “

da lì la reazione è stata immediata, ne ha parlato con la sua famiglia e ha parlato con la madre del bambino, facendolo sapere che era disponibile per fare i test per la compatibilità e qualora fosse risultata compatibile a sottoporsi ad un intervento di 14 ore per salvare la vita di Cole,

La madre del bimbo inizialmente era talmente stupefatta dall’incredibile gesto di generosità, da pensare di non poter accettare, ma dopo avere scoperto che Sarah era compatibile, che lei e Cole condividevano lo stesso gruppo sanguigno, i suoi esami fisici, imaging e analisi del sangue erano tutti perfetti, il desiderio di vedere suo figlio stare finalmente bene e poter avere una vita normale è stato troppo forte,

Sarah dopo il lungo intervento, in cui ha donato il 20% del suo fegato al bambino, ha commentato:

“Probabilmente uno dei momenti migliori è stato quando Cole ha aperto gli occhi in ospedale dopo l’intervento chirurgico e le sue pupille erano bianche e non gialle. È incredibile come tutto ricominci a funzionare così velocemente quando funziona correttamente “.

L’intervento prevede che poi con il passare dei mesi entrambi i fegati si rigenerino completamente, anche il fegato del donatore in qualche settimana torni alle sue dimensioni originali,

Grazie al gesto di incredibile generosità dell’infermiera, adesso il bambino sta bene, può giocare, divertirsi e crescere come tutti gli altri bambini,

infermiera dona fegato paziente
infermiera dona fegato paziente

Dopo 4 mesi dall’intervento, la famiglia Carter è tornata a casa e Cole ha da poco festeggiato il suo primo compleanno, anche con “zia” Sarah e suo marito, che sono stati invitati come ospiti d’onore della festa

Josh Carter, il padre di Cole racconta :

Sarah è un angelo mandato dal cielo. Non c’è altro modo per descriverlo. Anche al di là di quello che ha fatto fisicamente per lui, sento di più che siamo fortunati ad avere Sarah e suo marito nelle nostre vite perché sono persone davvero fantastiche.”

intanto i genitori di Cole, per condividere la sua storia e dare speranza ad altre famiglie che vivono dei momenti difficili hanno aperto una pagina facebook in cui hanno raccontato la storia e che continuano ad aggiornare con le avventure del figlio, che si chiama “Cole’s Liver Adventures”

 

 

 

ti è piaciuta questa bella notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : Gennaro infermiere napoletano e tenore, che canta per i suoi pazienti anziani malati

oppure: Infermiera salva la vita di un bambino nato prematuro: dopo 30 anni sono colleghi

Fonti ed immagini : St. Luke’s hospital

, , ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.