studentessa punti ciechi

Ha vinto il primo premio e 25mila dollari

la studentessa di 14 anni che ha inventato un modo per risolvere il problema dei punti ciechi in automobile

Sappiamo che purtroppo in automobile non è mai possibile avere la visibilità completa della strada e di tutto quello che ci circonda a causa della struttura della macchina, che per sua natura crea dei punti ciechi

frontalmente tra finestrini e parabrezza abbiamo i montanti laterali delle automobili che ci ostacolano la vista, posteriormente gli specchietti retrovisori non sono in grado di mostrarci tutte le porzioni di strada, lasciando alcuni angoli morti,

mentre guidiamo abbiamo davanti e dietro di noi diverse zone che non possiamo vedere e che possono causare pericoli ed essere causa di incidenti stradali, non permettendoci di vedere pedoni, ostacoli, o altri veicoli.

Pochi giorni fa in Pennsylvania, Alaina Gassler, una studentessa di 14 anni di West Grove, ha vinto un premio di 25 mila dollari per aver progettato una soluzione al difficile problema dei punti ciechi della automobili,

Alaina ha avuto un’idea semplice, quanto efficace; montare delle telecamere all’esterno del montante del parabrezza, per riprendere la zona occupata dai punti ciechi, per poi proiettare le immagini in tempo reale all’interno dell’abitacolo annullando del tutto il punto cieco dell’automobile.

la giovane ha progettato da sola e stampato in 3D alcuni componenti del progetto, mentre i restanti materiali sono tutti di facile reperimento nei negozi di elettronica. Inoltre ha consigliato l’utilizzo di un tessuto riflettente per rendere l’immagine proiettata più chiara e brillante.

Maya Ajmera, Presidente e CEO della Society for Science & The Public ed Publisher of Science News, dopo aver premiato la ragazza per l’idea migliore del Broadcom Master competition per gli studenti delle medie, una competizione sull’innovazione, ha spiegato:

“Congratulazioni ad Alaina, il cui progetto ha il potenziale per ridurre il numero di incidenti automobilistici riducendo i punti ciechi. Con così tante sfide nel nostro mondo, Alaina e i suoi colleghi finalisti di Broadcom MASTERS mi rendono ottimista. Sono orgogliosa di guidare un’organizzazione che sta ispirando così tanti giovani, in particolare le ragazze, a continuare a innovare.”

 

studentessa punti ciechi
studentessa di 14 anni inventa un modo per eliminare i punti ciechi

 

 

Ti è piaciuto questa Buona notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : Ocean CleanUp per pulire gli oceani funziona e sta catturando tonnellate di plastica

oppure: Le tende italiane che depurano l’aria grazie alla luce del sole

Fonti : Cnn.com

, ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque + undici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.