Pubblicato il: 22 Luglio 2019

no plastica sigarette spiagge

L’estete 2019 segna la svolta per molte coste italiane

sono sempre di più le spiagge che si vestono di verde e dicono no a plastica, inquinamento o sigarette e non solo

crescono di settimana in settimana le regioni, i comuni, le spiagge o i singoli lidi in cui nascono iniziative virtuose per rendere le spiagge vivibili, più pulite e più eco-sostenibili, per portare in vacanza anche la salvaguardia dell’ambiente

SMOKE FREE

La prima località balneare italiana ad essere completamente smoke-free è stata Bibione (Venezia) tra le prime destinazioni turistiche italiane per numero di presenze annuali, a Febbraio ha deciso ufficialmente di bandire il fumo lungo tutti gli otto chilometri di spiaggia, i fumatori hanno a disposizione della speciali aree in cui potranno concedersi una pausa sigaretta, per il resto della spiagge, no fumo di sigaretta che magari per sbaglio arriva in faccia al vicino di sdraio, ne mozziconi ritrovati nella sabbia, ve lo avevamo annunciato qui

Dopo la decisione all’avanguardia della spiaggia veneta, tante altre hanno seguito l’esempio, e la regione più virtuosa è stata la Sardegna, divieto di fumo in tutte le spiagge del comune di Stintino, imposto dal sindaco Antonio Diana, per lasciare le spiagge più pulite e fare in modo che tutti possano respirare aria buona,

Provvedimento che era stato messo in prova lo scorso anno per la prima volta a La Pelosa attraverso il divieto di fumo e l’inserimento di apposite aree fumatori, e che il sindaco ha spiegato avere portato alla raccolta di circa 140 mila cicche di sigaretta, di cui l’80% sarebbe altrimenti finito nella sabbia

A loro si sono aggiunti con il passare della settimane, Rimini, Porto Cesareo, Capaci, Lerici, Ponza, anche in questo caso, tutte le spiagge sono smoke free, perchè si è visto che non basta appellarsi alla civiltà dei bagnanti e nemmeno regalare contenitori in cui inserire i mozziconi di sigaretta usati, purtroppo ogni anno si trovavano centinaia di mozziconi nascosti nella sabbia o che finivano in mare, per cui è stato necessario, per il bene del mare e la serenità dei bagnanti, ricorrere al divieto totale.

no plastica sigarette spiagge
spiagge italiane sempre più green no a plastica e sigarette

PLASTIC FREE

Altro tema caldissimo è quello della plastica, vi parliamo spesso di quante tonnellate di plastica finiscono in mare ogni anno e di come sia un’emergenza globale,

ecco che anche molte spiagge si sono mobilitate in questa direzione, vietando sulle loro coste e negli stabilimenti, l’utilizzo di plastica monouso che spesso, per maleducazione o dimenticanza rischia di finire in mare,

Il primato va alla Puglia che è stata tra le prime regioni a proporre un’estate libera dalla plastica, vietando al plastica monouso in tantissime spiagge: Gallipoli, Bari, Vieste, Trani, Barletta,  Brindisi, Santa Maria di Leuca, Lecce, Otranto, Taranto e Peschici e incentivando anche sagre e feste di paese a usare materiali diversi e abbandonare la plastica.  ve ne avevamo parlato qui

In Toscana l’ordinanza Plastic-Free varrà fino a fine stagione balneare, fino al 21 Settembre e la plastica sarà bandita su tutte le spiagge, dai confini liguri fino alla maremma, da Viareggio, a Torre del Lago. Lo prevede una legge approvata a fine Giugno dal consiglio della regione. Gli esercenti potranno utilizzare esclusivamente materiale biodegradabile e compostabile, dalle posate, ai piatti alle cannucce, ma anche sacchetti monouso e palloncini. Sono previste sanzioni fino a 500 euro

Anche per il plastic free la Sardegna si è subito mobilitata per seguire il bell’esempio, diventando la seconda regione d’Italia con più spiagge libera della plastica monouso per l’estate 2019: hanno aderito all’iniziativa Sassari, San Teodoro, Olbia e Vignola Mare Trinità d’Agultu e Arzachena

Con queste 3 regioni anche tantissimi singoli comuni, o lidi situati in tutta Italia hanno deciso di introdurre lo stesso divieto, In Emilia Romagna, Rimini punta ad essere la prima città interamente plastic free dall’estate 2019, nelle Marche Senigallia, Ancona e Portonovo,

Nel Lazio la spiaggia di Sperlonga, in Campania, Castellammare di Stabia e sull’isola di Capri dove non si troverà plastica monouso neppure in vendita nei supermercati o nei ristoranti

MA ANCHE

Oltre alla plastica e al fumo ci sono altre importanti iniziative in corso per la tutela dell’ambiente, come quella dei bagno  di Savona che punta sull’energia rinnovabile, installati pannelli solari termini per riscaldare l’acqua delle docce,

mentre una battaglia per la tutela delle spiagge viene da La Pelosa e tutte le spiagge di Stintino in cui spesso vengono prelevata e portata a casa la sabbia recando un danno a tutto l’ecosistema

L’estate 2019 sarà sempre più ecologica e meno inquinata per moltissime città e stabilimenti balneari e i numeri degli aderenti alle iniziative plastic or smoke free crescono di settimana in settimana!

sperando che sempre di più seguano l’esempio, se conoscete altri modelli di località virtuose, segnalatecele nei commenti!

no plastica sigarette spiagge
spiagge italiane sempre più green no a plastica e sigarette

 

fonti : repubblica.it

ti è piaciuto questo articolo? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : Le università italiane dicono stop alla plastica con addio a bottigliette e bicchierini

oppure :Il mare fa bene a mente e corpo e cura molte malattie… parola di scienza!

, , , , , ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − 5 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.