Pubblicato il: 1 Luglio 2019

roma affresco medievale

Eccezionale ritrovamento nella capitale

 un raro affresco medievale ritrovato dopo 900 anni a Roma

Lo splendido dipinto si trovava nascosto in un’intercapedine di un muro nella chiesa di Sant’Alessio all’Aventino, e raffigura probabilmente Sant’Alessio e il Cristo pellegrino, in questa intercapedine è rimasto nascosto per oltre 900 anni, probabilmente risalente al XII secolo.

L’affresco è di grandi dimensioni, più di 4 metri di altezza per 90 centimetri di larghezza, ma quella ritrovata è solamente una porzione dell’intero dipinto, una seconda metà, altrettanto grande è ancora nascosta dalla restante parte del muro della chiesa,

La parte di affresco restituita alla luce è in ottimo stato, ed è un tripudio di colori, si vede il mantello color porpora e le vesti del Santo, tra cui spicca il colore azzurro, è stato raffigurato con una mano alzata, mentre vicino a lui Gesù Cristo presumibilmente benedice i fedeli,

l’affresco è realizzato su sfondo nero e incorniciato da una cornice composta da molti colori differenti, raffinati e ancora incredibilmente intatti, tant’è che non si era mai ritrovata una cornice risalente ad un dipinto medievale, in questo stato di conservazione

proprio l’incredibile stato di conservazione ed i colori ancora lucenti e ben visibili hanno spinto gli esperti una su tutti la storica dell’arte Claudia Viggiani, che l’ha riportato alla luce, a parlare di

“un ritrovamento assolutamente eccezionale. Anche per l’iconografia rarissima dei due personaggi che si riconoscono nella parte del dipinto al momento visibile, con tutta probabilità proprio Sant’Alessio e il Cristo pellegrino”

roma affresco medievale

La scoperta è avvenuta in seguito ad una lunga indagine iniziata da quanto si è trovata una lettera d’archivio risalente al 1965 in cui si parlava di un affresco in ottimo stato conservato in una chiesa rinvenuto durante i lavori alla torre campanaria.

il dipinto era quindi già stato ritrovato da qualcuno, che nel 1965 non se ne era interessato e aveva deciso di non riportarlo alla luce, per di più nella lettera non era stato specificato in quale chiesa fosse stato scoperto l’affresco,

per fortuna la storica dell’arte Claudia Viggiani ha deciso di andare fino in fondo e dopo 900 anni riportalo alla luce. Il dipinto assolutamente inedito, è stato messo in sicurezza dalla restauratrice Susanna Sarmati con un progetto finanziato dalla Soprintendenza Speciale di Roma guidata da Francesco Prosperetti.

originariamente l’affresco occupava la parete della controfacciata e chi ristrutturò la chiesa nei secoli successivi, forse proprio per il rispetto che si doveva a Sant’Alessio e la fama che lo accompagnava in epica medievale, ebbe cura di proteggere l’affresco coprendolo ma in modo che potesse essere conservato,

Tanto che probabilmente una piccola parte di questo, con il volto di Sant’Alessio, rimase per secoli a disposizione dei fedeli attraverso una feritoia aperta sull’interno della chiesa.

Al momento il dipinto deve essere messo in sicurezza prima che possa essere esposto al pubblico, ma la dottoressa Claudia Viggiani è fermamente convinta di volere riportare alla luce anche la metà ancora nascosta, come dono ai cittadini romani, che potranno andare a visitarlo,

un raro ritrovamento medievale, incredibilmente conservato che potrà diventare patrimonio di tutti gli amanti dell’arte ed essere ammirato e visitato dal mondo intero

 

Roma ritrovato un’affresco medievale dopo 900 anni

 

Ti è piaciuta questa bella notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : Pompei restituisce una nuova meraviglia: l’eccezionale affresco di Leda e il cigno

oppure : A Palermo nascono le panchine letterarie, omaggio ai grandi artisti siciliani

Fonti: Ansa.it

, , ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette + 16 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.