Pubblicato il: 30 Gennaio 2019

alleanza multinazionali plastica

30 multinazionali che operano nel settore petrolchimico per la prima volta nella storia hanno creato un’alleanza

per trovare soluzioni concrete per diminuire il più possibile i numeri dei rifiuti di plastica che inquinano i mari

Uno dei principali problemi dell’inquinamento ambientale a livello globale riguarda tutta quella plastica e quei rifiuti che finiscono in oceani, mari e nei corsi d’acqua distruggendo tutte le forme di vita che vi ci abitano e causando danni irreparabili all’ambiente.

Per fare qualcosa di concreto ecco la nascita di Alliance to End Plastic Waste (AEPW) in cui le 30 multinazionali partecipanti al momento hanno già investito 1 miliardo di dollari per creare e fare partire il progetto

e hanno in previsione è di investirne altrettanti, ovvero ancora 1,5 miliardi di dollari nei prossimi 5 anni, volti a cercare e produrre soluzioni concrete ed innovative per per contrastare la dispersione dei rifiuti di plastica nell’ambiente, in particolare negli oceani

alleanza multinazionali plastica

Si tratta della più ampia iniziativa realizzata a livello internazionale, unica nel suo genere e attiva in svariati settori, la prima iniziativa che riunisce un numero così ampio di multinazionali, totalmente finalizzata alla riduzione dell’inquinamento e al benessere ambientale

L’obiettivo di AEPW che è stata creata come un’organizzazione senza scopo di lucro è quindi concretamente quello di sviluppare, impiegare e realizzare iniziative mirate per ridurre al minimo e gestire i rifiuti di plastica, promuovendo soluzioni per la plastica usata come il riutilizzo, il recupero e il riciclo per scongiurarne la dispersione nell’ambiente.

Soprattutto collaborando tra multinazionali e soggetti coinvolti, che non solo hanno risorse economiche ma anche esperienze tecniche e professionalità all’avanguardia , per creare delle strategie che sviluppino nuove infrastrutture per il riutilizzo dei prodotti, e si occupino di innovare, formare e ultimo punto, ma assolutamente importante, che si occupino della pulizia di mari e oceani inquinati.

Ecco l’elenco delle multinazionali fondatrici : Mitsubishi Chemical Holdings, Shell, Total, Versalis (Eni), Chevron Phillips Chemical Company LLC, BASF, Berry Global, Braskem, Clariant, Covestro, Dow, DSM, ExxonMobil, Formosa Plastics Corporation USA, Henkel, LyondellBasell, Mitsui Chemicals, NOVA Chemicals, OxyChem, Procter & Gamble, Reliance Industries, SABIC, Sasol, SUEZ, SCG Chemicals, Sumitomo Chemical, Veolia, e PolyOne.

L’alleanza si compone di circa una trentina di multinazionali e società attive nel settore petrolchimico, tra cui anche l’italiana Eni, tramite Versalis, oltre ad aziende sparse in tutto il mondo, dal Nord al Sud America, Europa, Asia, Sudest asiatico, Africa e fino al Medioriente.

Aepw, come prima cosa sta lavorando con il World Business Council for Sustainable Development, proprio per capire e definire quali sono le priorità di intervento e come affrontarle

 

alleanza multinazionali plastica

Ecco il sito dell’associazione per leggere le notizie e i progetti : endplasticwaste.org

ti è piaciuta questa Bella Notizia? Forse allora potrebbero piacerti anche altre nostre Buone Notizie come: Ad Istanbul per comprare i biglietti della metro si possono usare le bottiglie di plastica

UE: Addio ai 10 prodotti di plastica monouso più inquinanti per l’ambiente e i mari

 

Fonti: ansa.it

, , , , ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.