Pubblicato il: 29 Gennaio 2019

carcerati buche roma

Roma, da oggi sono al lavoro i detenuti di Rebibbia si occuperanno delle buche delle strade in città

Firmato nei mesi scorsi l’accorso tra il Dipartimento amministrazione penitenziaria (Dap)e la società Autostrade

Terminata la formazione di 3 mesi curata dai tecnici di Autostrade a cui hanno partecipato 30 carcerati non socialmente pericolosi, per imparare il mestiere, con rilascio di un attestato professionale per operare in qualità di asfaltatori e manutentori di strade,

Da oggi, Martedì 29 Gennaio, hanno iniziato il loro primo giorno di lavoro nelle strade della città, tutti i detenuti che si sono offerti sono volontari e sono stati divisi in 2 squadre da 15 detenuti ciascuno,

Hanno cominciato questa mattina in strade del quartiere di Torre Spaccata, VI Municipio, alla presenza del sindaco della capitale Virginia Raggi e del Capo del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria, Francesco Basentini.

Venticinque gli interventi manutentivi previsti, con i quali saranno pulite le caditoie del tratto di strada in questione, fra Viale dei Romanisti e Via Luigi Ferretti. Quello avviato stamane è il primo di dieci interventi di pubblica utilità che saranno svolti nell’ambito del progetto di inserimento lavorativo che a cui hanno dato il nome “Mi riscatto per Roma”

carcerati buche roma

L’obiettivo è quello di fare ordinaria manutenzione, ovvero riparare con asfalto caldo le buche, pulire i tombini e disegnare le strisce pedonali, sopratutto il problema delle buche è un problema estremamente sentito nella capitale, soprattutto dopo piogge e gelate che in questi giorni si stanno abbattendo su tutta la penisola

Sono già 40 i detenuti che si occupano ogni giorno per 4 ore al giorno della manutenzione dei parchi e del verde cittadino, e nelle prossime settimane altri detenuti verranno inseriti nel progetto, si conta che entro marzo saranno 75 i detenuti volontari, non socialmente pericolosi, che si occuperanno di servizi pubblici, e della raccolta dei rifiuti per le strade,

I detenuti occupati al lavoro hanno scelto volontariamente di formarsi e avere una pena rieducativa, che gli permetta di imparare un mestiere e per poi reinserirsi nella comunità una volta usciti, inoltre il progetto è un bel servizio anche per la comunità, 

che con molte situazioni difficili, da quella delle buche a quella dei rifiuti, senza nessuna soluzione definitiva, almeno avrà un aiuto piccolo esterno ma che andrà a lavorare sui problemi con cui i cittadini e la capitale si trova a confrontarsi ogni giorno.

carcerati buche roma

Ti è piaciuta questa bella notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : il monaco che in carcere con la meditazione insegna ai detenuti a riscoprire se stessi

oppure :BellaMilano: disoccupati e richiedenti asilo ripuliscono la città da rifiuti e degrado

 

Fonti: Tgcom24.mediaset.it

, ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 × quattro =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.