Pubblicato il: 22 Gennaio 2019

Alzheimer nuovo test

Appena pubblicati i risultati sulla rivista specializzata Nature Medicine,

di uno studio che porta alla luce una novità in campo di diagnosi precoce delle malattie cerebrali

la messa a punto di un test del sangue “universale” per la valutazione dei danni al cervello

Lo studio è stato condotto dall’Università di Washington che ha collaborato con il Centro tedesco per le malattie neurodegenerative (Dzne), e con l’Istituto Hertie per la ricerca clinica sul cervello (Hih) e l’Università di Tubinga

Grazie ai risultati ottenuti dai ricercatori, sarà più facile trovare i segni di Alzheimer attraverso l’utilizzo di un nuovo esame del sangue che riconosce la presenza di una proteina ‘spia’ del danno cerebrale provocato dalla malattia, precocemente

quindi già dalle primissime fasi, che possono arrivare anche con anni di anticipo rispetto alla comparsa del sintomi visibili di deterioramento cognitivo

Questo nuovo esame è stato studiato e sperimentato con successo su pazienti con una forma familiare di Alzheimer precoce e sui loro familiari, e la differenza rispetto ai test esistenti e la novità è che questo test per la valutazione dei danni del cervello si può definire “universale”

ovvero, non cerca uno specifico marcatore per il morbo d’Alzheimer, come nei test disponibili fin ora, ad esempio la proteina beta-amiloide, ma cerca una proteina chiamata Nfl, una proteina filamentosa che fa parte dello scheletro dei neuroni e che, una volta che le cellule nervose subiscono un danneggiamento o la morte, fuoriesce nel midollo spinale, per arrivare fino al sangue.

Alzheimer nuovo test

Nello studio sul campione di 400 persone, suddivise al loro interno tra portatori dei geni dell’Alzheimer precoce e familiari sani (244 i primi, 162 i secondi)

si è rilevato come l’aumento della quantità di proteina Nfl nel sangue sia direttamente correlato all’aumento del danno cerebrale nelle persone analizzate. Questo consente, di prevedere l’evoluzione nel tempo del morbo di Alzheimer e di “smascherarlo” anche in persone che non mostrano ancora i sintomi

Mathias Jucker ricercatore presso il Dzne spiega i risultati ottenuti dallo studio:

“siamo stati in grado di prevedere la perdita di massa del cervello e i deficit cognitivi che si sono poi verificati due anni più tardi”

Non trattandosi di un marcatore cerebrale specifico per l’Alzhaimer ma essendo generico per ogni tipo di deficit che causi perdita o morte delle cellule nervose, i ricercatori pensano che in futuro questa test potrebbe essere usato per valutare qualsiasi tipo di danno al cervello, incluso quello provocato da sclerosi multipla, ictus e traumi.

il radiologo Brian Gordon dell’Università di Washington parlando del nuovo test spiega:

“potrebbe essere facilmente inserito nei test di screening usati in neurologia. Lo abbiamo validato in malati di Alzheimer perché sappiamo che il loro cervello va incontro a una forte neurodegenerazione,

ma questo marcatore non è specifico: alti livelli nel sangue potrebbero essere la spia di molte malattie neurologiche e traumi”

Come ogni volta che vi parliamo di risultati e ricerche scientifiche, non possiamo che augurarci che vengano confermati e che possano essere usati da medici il prima possibile,

Fare diagnosi precoce, anche di anni prima dei primi sintomi per malattie come Alzheimer, Sclerosi Multipla, e alle malattie neurologiche e traumi potrebbe portare a tempi più brevi di diagnosi e un accesso più rapido alle cure.

 

 

Fonte: Ansa.it

Ti è piaciuta questa bella notizia? forse potrebbero interessarti anche le altre nostre Buone Notizie come : Ricercatori italiani creano una cellula in grado di curare la Leucemia

“Chat Yourself” ; arriva in Italia l’assistente virtuale che aiuta chi soffre di Alzheimer

, , ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.