Pubblicato il: 16 Gennaio 2019

pellicola cera d'api

Un’ idea ecologica ed alternativa

La pellicola di cera d’api, portata in Italia da una cooperativa di Castelfranco Veneto

sostituendola con un materiale ecologico 100% naturale, composto da fibra di cotone olio di jojoba e ingrediente speciale, la cera d’api, che a differenza della pellicola trasparente di plastica, non inquina e può essere riutilizzato 100 volte per singolo foglio.

Apepak è fatto di cotone biologico certificato Global Organic Textile Standard, o riciclato dagli avanzi dei laboratori tessili italiani. La cera d’api, la resina di pino e l’olio di jojoba sono forniti da apicoltori e aziende italiane, con quindi una grandissima cura per i dettagli e le materie prime

Questo super materiale di chiama Apepak e la realizzazione e la diffusione in Italia vengono dalla cooperativa sociale Sonda, che ha ripreso l’idea già diffusa a livello internazionale e che sta facendo parlare molto di sè grazie ai social,

pellicola cera d'api
La pellicola di cera d’api

e Apepak si presenta come un panno di cotone, che lavorato con cera d’api e olio di jojoba diventa modellabile e resistente ad unto e perdite, così da poter essere utilizzato per ricoprire gli alimenti, Il vantaggio è quello di non usare la plastica, di avere un prodotto riutilizzabile e che alla fine del suo ciclo di vita non inquina

è traspirante e permette quindi che il contenuto avvolto respiri, perfetto quindi per i prodotti come pane e prodotti di panificazione per evitare che l’umidità li renda molli. Perfetto anche per frutta e formaggi, per mantenerli freschi ed in buone condizioni a lungo,

Apepak sostituisce gli involucri usa e getta di carta, plastica e alluminio, così da:
Risparmiare 9 kmq di involucri di plastica all’anno
Remunerare 30 minuti di lavoro di un socio svantaggiato di Sonda Società Cooperativa Sociale Onlus
Remunerare 3 giorni di lavoro di api da miele italiane
Sostenere l’agricoltura di cotone biologico e dare una nuova vita agli avanzi dei laboratori tessili italiani.

La cooperativa ha un laboratorio a San Vito di Altovole, e li sta già producendo e sperimentando questa nuova pellicola, anche grazie all’aiuto di un gruppo di volontari che la sta testando per capire come migliorare il prodotto per renderlo unico nel suo genere,

Francesca Amato, vicepresidente della cooperativa racconta a TribunaTreviso:

“L’idea ci è arrivata da un nostro amico negli Usa che ha registrato il marchio Apepak. Per noi però ha anche un’altra valenza: quella che questa produzione si trasformi in posti di lavoro per persone svantaggiate, Ci sono già alcuni prodotti similari ma stiamo cercando di avere un prodotto più ecologico possibile.”

l’idea della cooperativa non è solo quella di creare un prodotto completamente ecologico e buono per l’ambiente, ma anche quella di inserire e dare lavoro a persone in difficoltà

Ecco cosa si legge sul sito internet di ApePak:

L’ALTERNATIVA NATURALE AGLI INVOLUCRI DI PLASTICA
Dopo una vita di sogni e un anno di sviluppo, eccovi la nostra idea:
Apepak sostituisce gli involucri usa e getta, ​È durevole, multiuso, malleabile, antisettico, sigillante, biodegradabile…

Apepak è perfetto per portare un panino a scuola, la frutta in ufficio, far lievitare un impasto
o sigillare il piatto degli avanzi. E tu, come lo userai?

Bella idea, italiana, per tutti gli appassionati di sostenibilità e per chi vuole ridurre i consumi di plastica monouso!

pellicola cera d'api
La pellicola di cera d’api

 

Ecco il sito internet di ApePak

Ti è piaciuta questa Bella Notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : Da uno studente svedese, posate bicchieri e buste ecologiche fatte con le patate

oppure: Partiti in Germania i primi treni ad idrogeno al mondo, ecologici ed a zero emissioni

, , ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

9 Comments

  1. Belle notizie incoraggianti.

    1. Magari fosse vero! Auguri

  2. Qui in Australia sono anni che esistono e che li uso. Si possono fare anche in casa.. basta un forno per scaldare la cera d’api e dei vecchi strofinacci o vecchie lenzuola. Costo bassissimo rispetto al prezzo di apepak

  3. In che percentuale sono fatti di Cotone? Il “cotone organico” è una delle cause maggiori di desertificazione. La coltura del cotone consuma milioni di mq di terra ed è una delle piante che richiedono più acqua. Con tutte le conseguenze derivate sull’ecosistema.

    Secondo: qual’è il COSTO di questo materiale? Usiamo la pellicola di plastica perchè è ECONOMICA, non perchè ci piace inquinare.

    Spero proprio non si tratti dell’ennesimo progetto-truffa pseudo-ecologico che mira solo ad ottenere fondi pubblici ma che in concreto non servirà a nulla.

  4. […] sapevi, infatti, che a Castelfranco Veneto producono una plastica ecologica 100% naturale composta da fibra di cotone olio di jojoba e cera d'api? Naturale, non inquina e può […]

  5. Sono tutte bellissime iniziative.
    Quanto costa un foglio di plastica alternativo a questo?
    Il punto e solo questo

  6. Ma le api come stanno..? Speriamo non scompaiono, come nell’America di Trump, a causa degli insetticidi non messi al bando…!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + 10 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.