Pubblicato il: 12 Ottobre 2018

raccogliere plastica amsterdam

Stanchi dei soliti giri turistici per la città? Ad Amsterdam è arrivata l’alternativa green… visitare la città contribuendo a tenerla pulita.

i numeri non mentono, sono già 15.000 i turisti che hanno deciso di inserire nella normale visita della città, un giro dei canali… “Alternativo” rispetto ai soliti.

Dove ci si arma di retino e sacchi dell’immondizia e mentre si fa un tour guidato dei canali olandesi, si raccolgono anche plastica e rifiuti.

L’idea è della società “Plastic Whale” che si definisce la prima compagnia professionale di raccoglitori di plastica, che spiega il successo di questa iniziativa, nel trovare un modo per abbinare la visita della città al divertirsi e al sentirsi utili e fare qualcosa di buono per l’ambiente

Un biglietto per la visita guidata fatta su una barchetta elettrica e colorata con raccolta di rifiuti e una merenda tutti insieme in barca, costa 25 euro, ma se già 15.000 persone hanno deciso di partecipare, significa l’idea piace e fa sentire bene!

Marius Smit, 45 anni, fondatore di Plastic Whale commenta:

«Sembra incredibile, ma la gente lo adora»

raccogliere plastica amsterdam

Marius con la sua impresa ha voluto creare una realtà che si occupasse di sociale e fosse impegnata tutti i giorni a ridurre l’inquinamento unendo il fare qualcosa di buono, al farlo divertendosi

“dalla plastica recuperata ricaviamo nuovi prodotti, dimostrando come la plastica oltre che un rifiuto, se usata bene può anche diventare una materia prima ottima.”

Plastic Whale si sta focalizzando sul riutilizzo della plastica per produrre mobili da ufficio e da poco sono stati presentati i primi prototipi tutti riciclati : tavoli, sedie, pannelli acustici e lampade.

A Marius l’idea di fare qualcosa per combattere l’inquinamento della plastica è venuta 15 anni fa, quando a 30anni ha deciso di partire per fare il giro del mondo.

Arrivato negli angoli più belli e remoti del pianeta, purtroppo li ha trovati inquinati da plastica e rifiuti, da quel momento ha pensato di dover fare qualcosa.

nel 2011 inizia il suo progetto e per realizzarlo chiede aiuto ai Social Network, dove come prima cosa chiede una mano per costruire una piccola barca, e poi inizia a coinvolgere gli amici e conoscenti nella pulizia dei canali.

Dopo 6 anni, Plastic whale riscuote sempre più successo ed è diventato il tour “alternativo” preferito dei turisti che hanno a cuore anche l’ambiente.

Marius racconta che non esiste un turista “tipo” per questo genere di attività, infatti chi normalmente partecipa al tour-raccolta ha da 0 a 99 anni e viene da ogni parte del mondo, oltre la raccolta dei rifiuti la guida porta i turisti anche alla scoperta di angoli della città suggestivi e meno noti al turismo di massa.

raccogliere plastica amsterdam

Dal 2011, da quando raccoglieva la plastica solo con l’aiuto degli amici, Marius ha recuperato 146mila bottiglie e tremila buste che sono servite a costruire nove nuove imbarcazioni

ed ora Plastic Whale, nato come un piccolo progetto,  ha 40 skipper che portano in giro i turisti e 12 dipendenti.

Ha aperto una sede a Rotterdam e ha in progetto di creare qualcosa anche in India, dove sia la povertà che i rifiuti sono un problema estremamente sentito.

Qual è il segreto del successo dei suoi giri turistici-ecologisti? Secondo Marius la chiave sta nel rendere coscienti tutti quelli che partecipano del bene che stanno facendo, e farli sentire coinvolti facendogli capire che stanno davvero facendo qualcosa di utile per il pianeta.

Cosa che è assolutamente vera, ne sono da prova i ringraziamenti e gli applausi che spesso le imbarcazioni ricevono da parte di chi li guarda dalla riva.

Inoltre parte dei guadagni della vendita dei biglietti viene investita nell’organizzazione di progetti educativi per scuole e nella sensibilizzazione sul tema dell’inquinamento ambientale.

infine Marius conclude:

«Non sono preoccupato dall’idea di poter chiudere o fallire…. noi esistiamo al solo scopo di risolvere un problema, quello dell’inquinamento dei mari.

Se  un giorno non dovesse esserci più bisogno di noi vuol dire che siamo riusciti a raggiungere l’obbiettivo che ci siamo prefissati: un mondo libero dalla plastica».

Plastic Whale 2016 from Plastic Whale on Vimeo.

Ti è piaciuta questa Bella Notizia? Forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie come : Aperta in Olanda la prima pista ciclabile al mondo fatta di bottiglie di plastica riciclate

oppure : Rotterdam: la plastica raccolta nel fiume diventa un parco galleggiante per la città

ecco il sito internet di Plastic Whale

fonti: repubblica.it

, , , ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 4 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.