alzheimer assistente virtuale

Oltre 600 mila italiani sono affetti dalla demenza di Alzheimer che pian piano si porta via la memoria ed i ricordi della propria vita,

dai più complessi, come i ricordi delle vacanze o del matrimonio, ai più semplici ma fondamentali; la strada per tornare a casa, o chi sono i propri familiari.

Anche se sono già in atto molte sperimentazioni per tentare di bloccare o rallentare la patologia , ne abbiamo parlato qui ! Alzheimer : ricercatori italiani scoprono il meccanismo che intacca la memoria

Al momento non c’è ancora una cura, e spesso anche nelle fasi precoci, chi ne soffre può trovarsi davvero in difficoltà e confuso, nel non ricordarsi cose semplici ma fondamentali, come di nutrirsi, o come tornare a casa propria.

alzheimer assistente virtualeOggi la tecnologia e l’intelligenza artificiale può essere d’aiuto ai malati nelle prime fasi delle malattia.

infatti è stato lanciato ieri al ministero della salute in occasione del dell’incontro ‘Alzheimer, non perdiamolo di vista’, organizzato da Italia Longeva

un assistente virtuale gratuito chiamato “chat yourself” appositamente pensato come aiuto per chi inizia a soffrire di Alzheimer , i chatbot sono gli assistenti virtuali (come Siri nei telefoni Apple o Cortana di Windows per intenderci) intelligenze artificiali in grado di interagire con noi rispondendo alle nostre richieste.

UNA MEMORIA DI RISERVA

Se i sopracitati Siri e Cortana ascoltando la nostra voce possono chiamare un numero di telefono, o cercarci la via del ristorante più vicino,

Chat Yourself è un assistente virtuale, che si può usare dal cellulare, tutto pensato per aiutare i pazienti Alzheimer nelle prime fasi della malattia, quando non ricordano le cose basilari… una piccola memoria di riserva a cui si potranno chiedere cose come

  • dove abito?
  • chi sono i miei familiari?
  • cosa mi piace mangiare?
  • come torno a casa?

alzheimer assistente virtualenell’App sono salvati tutti i dati pre-inseriti dai familiari, e per esempio alla domanda “Dove abito” o “come torno a casa” l’assistente virtuale attiverà direttamente il GPS con il percorso più breve per ritornare nella propria abitazioni,

alla domanda “chi sono i miei familiari” Chat  Yourself” può mostrare lefoto e dettagli delle persone care, moglie, figli, nipoti…

L’assistente virtuale ha anche la possibilità di impostare delle notifiche ed essere programmato dai parenti per ricordare alla persona malata di prendere le medicine, (e dove trovarle in casa) oppure di ricordarsi di mangiare e cosa mangiare

questi sono solo alcuni esempi di come “Chat yourself” può essere d’aiuto nelle prime fasi della malattia, per fare sentire la persona più al sicuro e meno spaventata quando capitano dei vuoti di memoria.

Questo assistente virtuale sviluppato su Messenger e Facebook è totalmente gratuito ed  è in grado di memorizzare tutte le informazioni relative alla vita di una persona, restituendole su richiesta all’utente,

Il sistema, è nato da un’idea di Y&R, con il supporto tecnico di Nextopera e di Facebook con l’aiuto e il supporto di un team di neurologi, geriatri e psicologi per rispondere in maniera più efficace alle esigenze dei pazienti.

Roberto Bernabei, Presidente di Italia Longeva ha spiegato:

“Chat Yourself è nato con l’obiettivo di contenere il danno provocato dalla malattia, affiancando all’impegno dei propri cari un aiuto concreto a ricordare”

Questo assistente virtuale è disponibile e accessibile a tutti gratuitamente sulla pagina Facebook di Chat Yourself (@chatyourselfitalia)

alzheimer assistente virtuale

GIORNATA MONDIALE DELL’ALZHEIMER

il 21 Settembre sarà la giornata mondiale dell’ Alzheimer e saranno presenti su tutto il territorio iniziative per far conoscere questa patologia e sostenere la ricerca

per sensibilizzare rispetto a questa patologia che è sempre più diffusa, che oggi interessa quasi il 5% degli over-65, ma secondo le proiezioni elaborate dall’ISTAT nel 2030 la percentuale si triplicherà e saranno colpiti dalla malattia ben oltre 2 milioni di pazienti

saranno presenti tante iniziative durante tutto il mese di Settembre come quelle segnalateci dalla Federazione Alzheimer Italia che il 14 Settembre organizza una giornata di incontri e un convegno, con anche una mostra fotografica, proprio sulle tematiche della malattia.

Sul loro sito si trovano tutti i dettagli della giornata www.alzheimer.it

 

fonti : ansa.it

ti è piaciuta questa Bella Notizia? forse allora potrebbero interessarti anche altre nostre Buone Notizie! Google e Airbnb sempre più accessibili : Mappe e Appartamenti per disabili

oppure Sarà Possibile bloccare il Parkinson, lo dimostrano nuovi test sui neuroni

, , ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 + 15 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.