Pubblicato il: 27 Luglio 2018

pediatria vercelli peluche

Grande successo social e reale per l’iniziativa della pediatria dell’ Ospedale Sant’Andrea di Vercelli che la scorsa settimana ha pubblicato su Facebook una richiesta un po’ particolare, ovvero i peluche!

Perchè i peluche? per l’idea della caposala, Michela Braghin, che per rendere meno traumatico il ricovero dei bambini in ospedale, ha deciso, insieme alle altre infermiere, di far trovare sul letto di ogni nuovo paziente un pupazzo con accanto un biglietto :

«Ciao, ti farò compagnia in questi giorni ma se vuoi puoi portarmi a casa con te»

pediatria vercelli pelucheI bambini si affezionano talmente tanto ai loro nuovi amici, che tutti se li portano con sè quando tornano a casa, così i peluche finiscono subito… da qui l’appello social, a raccogliere tutti i peluche in buone condizioni e regalarli all’ospedale, per fare felici i prossimi bambini.

lo scopo della richiesta è permettere ai pupazzi che ai bambini diventati grandi non servono più di fare compagnia ad altri bambini che stanno vivendo un momento difficile e a cui un piccolo supporto morale fa molto bene.

l’idea viene ispirata proprio dal figlio della capo sala che ha chiesto alla mamma di poter dare in beneficenza i pupazzi che lui, ormai grande, non usava più e lei ha pensato subito di portarli in reparti.

Michela spiega la sua iniziativa:

“In reparto giochi e pupazzi non mancano mai e i nostri piccoli ospiti apprezzano soprattutto questi ultimi, perché di solito spariscono.

Dopo i prelievi di sangue, poi, diamo sempre un regalino e sappiamo quanto sia importante per i piccoli e per i loro genitori quel sorriso strappato con un dono inaspettato»

Così il post su facebook pubblicato sul sito dell’ASL di Vicenza, insieme la richiesta fa partire un hashtag #facciamogirareinostripeluche

che raccoglie centinaia di like e condivisioni su facebook, e commenti di persone entusiaste da tutta Italia che si offrono di donare i propri peluche da Cuneo a Bari arrivano le risposte

  • “Vorrei partecipare anch’io. Abito a Cuneo ma spedirei a mio carico”
  • “Wow che bello, ne ho tantissimi! Sono di Bari come faccio a partecipare?”

e perfino le testimonianza di chi, anni fa, ha vissuto situazioni simili e le ricorda con affetto:
“io 45 anni fa fui ricoverata a Cagliari. Vi farà ridere ma ho ancora un pupazzo rosa che mi fu regalato dai genitori di un bambino. Sono piccole cose che da bambini sono grandissime”

Anche il primario del reparto racconta di avere già lavato i suoi peluche, che adesso si trovano in balcone ad asciugare, pronti per essere consegnati ai nuovi pazienti.

Mentre già dal giorno dopo la pubblicazione dell’appello sul web in reparto hanno iniziato ad arrivare i primi sacchetti, le infermiere e tutta la pediatria sono felicissime per la grande adesione e l’entusiasmo che tutta Italia ha dimostrato! Da oggi ogni bambino potrà avere il suo amico peluche che lo accompagni durante il difficile periodo del ricovero!

Ecco le regole per partecipare e spedire i propri peluche:

I peluche devo essere in buone condizioni, possono essere consegnati, dopo essere stati lavati, direttamente in Pediatria (al mattino).
Oppure possono anche essere spediti specificando nell’indirizzo: Reparto di Pediatria Ospedale S. Andrea di Vercelli C.so Mario Abbiate n. 21 – 13100 – Vercelli

 

fonti: lastampa.it

ti è piaciuta questa notizia positiva? allora forse potrebbero interessarti anche le altre nostre buone notizie! Nasce l’Orto in Corsia; curato dai piccoli pazienti di pediatria per aiutarli a guarire

oppure Noi bambini di 4° elementare che abbiamo adottato un nonno e ne siamo orgogliosi

, , , , ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove + 10 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.