Pubblicato il: 30 Aprile 2018

unione europea vieta pesticidi

Da anni assistiamo all’incessante moria delle api, e da tempo sappiamo che sono i pesticidi, gli insetticidi, i veleni usati in agricoltura la causa più devastante di uno dei problemi più gravi di sempre che interessa la biodiversità, l’agricoltura e il nostro futuro, 

unione europea vieta pesticidi

perchè le api garantiscono la diffusione dei pollini e lo sviluppo e la riproduzione delle piante e fiori.

Tra i maggiori indiziati di questa moria c’è in particolare una famiglia  di insetticidi chiamati neonicotinoidi.

Sono più di 4 milioni i cittadini europei che si sono schierati a favore del divieto d’uso di questi pesticidi, facendo partire negli anni, raccolte firme e scendendo in piazza a chiedere “giustizia”…

La buona notizia di oggi viene direttamente da Bruxelles “capitale dell’Europa”, dove venerdì scorso 27 aprile 2018 gli Stati membri dell’Unione hanno votato a favore di una proposta della Commissione europea di

vietare l’utilizzo di tre pesticidi neonicotinoidi estremamente nocivi per gli insetti in generale, e per le api in particolare.

Da quando la misura dell’UE entrerà in vigore, i tre pesticidi potranno essere utilizzati soltanto all’interno di serre permanenti, così da evitare qualsiasi tipo di contatto con le api.

Gli agricoltori che li utilizzano avranno tempo fino alla fine di quest’anno per trovare dei trattamenti alternativi all’ uso dei pesticidi incriminati.

Secondo Federica Ferrario, responsabile di Greenpeace Italia per la Campagna Agricoltura Sostenibile:

“Oggi è una grande giornata per il futuro dell’agricoltura europea questa è una notizia importante per le api, l’ambiente e tutti noi. Il voto a favore dell’Italia certifica l’attenzione dei cittadini italiani per la protezione degli impollinatori”.

unione europea vieta pesticidiAnche se ottimista per la notizia, la Ferrario sostiene anche che si possa fare molto di più, insistendo che si debbano fare molti altri passi avanti nella lotta ai pesticidi, dal bandire l’uso di Tutti i neonicotinoidi, come la Francia ha già considerato di fare,

all’applicare gli standard utilizzati per questi tre pesticidi a tutti gli altri pesticidi utilizzati in agricoltura e soprattutto sostenere la transizione verso metodi ecologici di controllo dei parassiti.

(qui una sua intervista sul tema per il magazine di GreenPeace)

Anche Martin Dermine, apicoltore e responsabile per la protezione delle api all’interno di Pesticide Action Network Europe (associazione di categoria a livello europeo) si dimostra entusiasta per l’ottimo risultato raggiunto e dichiara:

“Autorizzare i neonicotinoidi venticinque anni fa è stato un errore e ha portato a un disastro ambientale. Il voto di oggi rappresenta un momento storico.”

Il divieto di questi rischiosissimi veleni per le api rappresenta un barlume di speranza per le api stesse e ci rincuora vedere che le istituzioni UE hanno dato prova di sapere ascoltare i loro cittadini, sulla base di prove scientifiche e del parere degli esperti del settore, primi tra tutti contadini e apicoltori.

Il commissario europeo Vytenis Andriukatis, responsabile per la salute e la sicurezza alimentare ha commentato:

“La Commissione aveva proposto queste misure mesi fa, sulla base delle raccomandazioni tecniche dell’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (l’EFSA, con sede in Italia, a Parma). La salute delle api è di importanza fondamentale in quanto concerne la biodiversità, la produzione di cibo e l’ambiente.”

Siamo contenti che la protezione della biodiversità sia in cima all’agenda politica dell’Unione europea, trasformandosi in un obiettivo da realizzare in concreto e non solo rimanendo una bella parola da sbandierare quando conviene!

Fonti ed immagini: The Guardian, European Commission, EFSA  video : Euronews

Ti è piaciuto questo articolo? allora ti potrebbe interessare anche La Norvegia vieta gli allevamenti di animali da pelliccia

 

, , ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 15 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.