Pubblicato il: 17 Aprile 2018

ricercatori italiani cura leucemia

Una nuovissima ed innovativa ricercaitaliana dell’università San Raffaele, presentata al meeting annuale dell’American association for the advancement of Science,

punta sui linfociti modificati geneticamente per renderli un “arma anti-cancro” e si è già dimostrata essere efficace nelle prime ricerche sui pazienti.

Se i risultati verranno confermati, questa scoperta sarà fondamentale e assolutamente rivoluzionaria e potrà salvare moltissime vite,

infatti i lifociti-modificati potranno andare ad agire contro le cellule tumorali e potranno fare da “vaccini” per prevenire che la malattia ricompaia.

Cosa hanno fatto:

ricercatori italiani cura leucemia
Linfociti che attaccano un antigene tumorale

Sono state scelte delle cellule “Memory Stem T” o Staminali della Memoria Immunologica che hanno la caratteristica di restare fino a 14 anni nel nostro organismo, queste cellule sono state modificate geneticamente in moda da rendere protettrici del nostro organismo.

Ogni Linfocita T infatti riconosce uno specifico antigene (invasore del sistema immunitario), e ci sono dei Linfociti T (rarissimi) che riconoscono le cellule tumorali,

lo scopo di questa ricerca è di riuscire a somministrare ai pazienti un gran numero di Linfociti T, creati in laboratorio in grado di riconoscere le cellule tumorali.

un “esercito” di cellule pronte ad attaccare le cellule tumorali già presenti o che dovessero svilupparsi nei pazienti negli anni successivi.

attraverso delle elaborate procedure di editing genetico i ricercatori italiani hanno usato un recettore naturalmente presente nei linfociti T, il recettore Tcr, andando a modificare questo recettore proprio del linfocita T per inserire quello specifico “Tcr anticancro”

La ricerca:

Sono stati seguiti per anni 10 pazienti, affetti da leucemia acuta, che avevano ricevuto un trapianto di midollo osseo con Linfociti T modificati.

Anche dopo anni dal trapianto, i parametri immunologici sono risultati uguali a quelli di persone sane della stessa età, per questo si pensa che questa cura potrà anche essere efficace per eliminare la ricomparsa della malattia, proprio perchè le cellule modificate sono molto longeve.

Chiara Bonini vicedirettrice della divisione di immunologia, trapianti e malattie infettive del San Raffaele dice:ricercatori italiani cura leucemia

“Ci siamo riusciti! Negli ultimi 15 anni non ho visto tassi di remissione così alti in test clinici.

Abbiamo individuato quali sono i linfociti con le maggiori probabilità di riuscire in questa impresa.

Si tratta di cellule che costituiscono una specie di farmaco vivente.

Abbiamo alte probabilità di creare un medicinale che potrebbe ridurre la probabilità di recidiva del cancro.

si prevede che possa funzionare anche per altre forme di cancro rendendo lo studio ancora più prezioso

attualmente è in corso una ricerca simile anche negli stati uniti, con una diversa modalità di trattamento dei linfociti T e sembra che i risultati siano altrettanto positivi.

è sempre positivo che queste ricerche arrivino all’attenzione pubblica, soprattutto perchè, come sottolineato dalla stessa Chiara Bonini, sono estremamente costose, e richiedono finanziamenti per essere portate avanti al meglio.

 

Fonti : www.aaas.org  – repubblica.it 

se ti è piaciuto questo articolo, forse potrebbe interessarti anche Nasce la penna che può diagnosticare i tumori in pochi secondi

 

ricercatori italiani cura leucemia – buone notizie – belle notizie – notizie positive – ricercatori italiani cura leucemia

, , ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :
Latest Posts from Positizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

20 − 9 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.