Pubblicato il: 10 Lug 2018

curriculum della felicità

Avete mai pensato a come potrebbe essere adesso il mondo, se ognuno di noi in aggiunta a matematica, scienze e grammatica,

avesse avuto a scuole dei corsi su come rispettare gli altri, capirli, entrare in contatto con le proprie emozioni negative e la propria rabbia, imparare a gestirla?

Sicuramente saremmo diventato adulti più consapevoli e attenti e perché no, magari anche più felici…

E’ proprio questo il tema di una bellissima riforma a Delhi toccherà tutti gli studenti delle scuole pubbliche della città,

infatti pochi giorni fa è stato lanciato con una grande festa di presentazione, la presenza delle autorità, il Primo Ministro indiano Arvind Kejriwal, del Dalai Lama come personalità e di 5000 insegnanti e presidi delle scuole

il curriculum della felicità

curriculum della felicitàOgni classe avrà ogni giorno 45 minuti di “felicità” tra le sue lezioni giornaliere, per felicità si intendono tutti corsi e lezioni che aiuteranno i giovani a capire l’importanza del rispetto degli altri, conoscere se stessi, le loro emozioni, impareranno a meditare e scopriranno i valori universali, oltre a capire come gestire le emozioni negative.

Gli obiettivi del nuovo programma includono lo sviluppo della capacità di comunicare efficacemente, del pensiero critico,  dell’empatia nei confronti del prossimo, la gestione dello stress e lo sviluppo di un maggiore senso di consapevolezza sociale e dei valori umani.

il primo ministro nel suo discorso introduttivo ha spiegato come ci sia un’assoluta necessità di rinnovare l’attuale sistema educativo, che non è stato in grado di produrre “Esseri Umani Buoni” ma solamente “Esseri Umani acculturati” e il curriculum della felicità spera sia un passo concreto in questa direzione.

il governo indiano ha parlato del curriculum della felicità come la terza fase della riforma scolastica portata avanti dal governo nel settore dell’istruzione,

dopo il miglioramento delle infrastrutture ed essersi concentrati sull’aumentare la motivazione e la preparazione degli insegnanti, ora si cambia anche il tipo di istruzione.

curriculum della felicitàil primo ministro ha definito l’istruzione lasciata dai britannici come un sistema scolastico adatto solo al superamento degli esami, e ha descritto il nuovo curriculum come una pietra miliare per la formazione di esseri umani migliori, più felici e con più valori.

educando studenti che possano un giorno diventare la classe dirigente del paese, per questo motivo il governo ha raddoppiato il budget destinato all’istruzione

Il Dalai Lama, invitato alla presentazione ufficiale di questo nuovo sistema scolastico, ha poi tenuto sostenuto che sia possibile combinare quello che di buono c’è nell’educazione moderna, con l’antica saggezza indiana, anche in modo del tutto contemporaneo e accademico, lontano della religioni, una nuova modalità che non ha a che fare con templi, rituali o preghiere, ma con un’educazione razionale e laica,

lasciando insegnanti presenti, entusiasti per questo cambio di rotta, con una frase sul senso della vita

Lo scopo della nostra vita è quello di essere felici. Viviamo costantemente nella speranza di esserlo. Il piacere basato sulle esperienze sensoriali è di breve durata, mentre la fonte ultima di una felicità duratura è nella mente”

La sperimentazioni di questo nuova materia di studi, inizierà in tutte le scuole di Delhi, e verrà portata avanti ogni giorno per i prossimi 6 mesi,

successivamente se ne valuteranno i risultati e si valuterà anche di estenderla a tutta l’India.

curriculum della felicità

 

Fonti: Agcnews.eduglobalcitizen.org 

 

ti è piaciuta questa notizia positiva? allora forse potrebbero interessarti anche altre nostre buone notizie! Meditazione in classe: a Brescia la prima prova in una scuola media italiana

oppure A Yale un corso per essere felici; ed è subito record d’iscrizioni

, , , , ,
STAI ANCORA UN PO' CON NOI ! LEGGI ANCHE :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × cinque =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.